Archivio categoria

Cultura - page 2

Formazione certificata per Personal Trainer con Fitnessway

in La Grande Bellezza

La figura professionale del personal trainer deve possedere una serie di conoscenze specifiche necessarie per offrire un servizio di livello. Una combinazione di nozioni teoriche e pratiche che permettono di supportare in ogni occasione l’individuo che sceglie di essere affiancato lungo tutto il percorso di allenamento. Per operare in sicurezza, erogando un servizio di valore, è dunque importante poter disporre delle corrette certificazioni che dimostrino di essersi impegnati in una formazione di reale qualità.

Per operare al meglio come personal trainer occorre svolgere una formazione adeguata, di comprovato valore. Un impegno che si può anche rinnovare nel corso del tempo, tenendosi costantemente aggiornati, in modo da assicurarsi di svolgere un servizio sempre efficace.

Non basta, infatti, essere appassionati di sport per poter supportare le persone alla ricerca del loro benessere fisico e della loro forma fisica ideale. Al contrario, è importante poter disporre di un’ampia serie di conoscenze, che possono risultare di grande aiuto per approcciare al meglio alle più diverse individualità con cui si andrà a lavorare.

Proprio per questo, diviene strategico frequentare un corso mirato, che possa fornire anche una certificazione valida a livello nazionaleedeuropeo, come quella rilasciata da Fitnessway, scuola di formazione professionale che propone ai clienti numerosi percorsi formativi, tra cui quello per ottenere la qualifica di personal trainer.

 

Acquisire tutte le competenze necessarie, sia pratiche che teoriche, per ricoprire questo ruolo è fondamentale per poter supportare attivamente le persone nel loro percorso,senza correre o far correre rischi. Questo è un elemento che è bene sempre tenere in considerazione, dal momento che durante le attività si va a interferire e a interagire con la salutedelle persone.

Personal trainer certificato: i punti chiave della formazione

Innanzitutto,per un aspirante personal trainer è importante conoscere le modalità e i processi di funzionamento del corpo umano.A questi sono collegati anche la possibilità di valutare lo stato di salute, l’alimentazione di riferimento e gli sforzi a cui è consigliabile o meno sottoporre l’organismo.

 

In aggiunta, parte della formazione deve approfondire un’ampia varietà di informazioni scientifiche, basi fondamentali perevitare possibili imprevisti o danni anche rilevanti.

 

Proseguendo,uncorso deve focalizzarsi ovviamente anche sulla parte pratica: è così che – insieme alle conoscenze teoriche – si acquisiscela giusta abilitàperimparare ad eseguire al meglionumerosi tipi di attività.

 

L’importanza della formazione certificata per operare in sicurezza

La formazione per personal trainerpassa dunque dall’anatomia umana alla fisiologia, dalla biomeccanica alla nutrizione,per poi giungere alle vere e proprie tecniche di allenamento, necessarie per impostare un percorso personalizzato sulla base delle esigenze individuali.

Per questo, nel bagaglio di competenze deve essere inserita anche la capacità di mostrare empatia, ascoltareemotivaretutti coloro che scelgono di affidarsi ad unpersonal trainer.

Oltre alla parte di apprendimento, un buon corso professionale deve infine poter fornire una o più certificazioniriconosciute in Italia e all’estero. A questo proposito, un esempio concreto è rappresentato dalcorso di personal trainerdiFitnessway, che permette innanzitutto di ricevere il Diploma Nazionale Personal Trainer.

La certificazione viene erogata in sinergia con l’ASI, un ente riconosciuto dal CONI e dal Ministero dell’Interno. Ciò consente di effettuare la successiva iscrizione all’Albo Nazionale dei Tecnici dell’Ente,così da poter essere annoverati tra i personal trainer certificati e abilitati a operare.

Seguendo questo corso si ha, infine, la possibilità di essere accreditati all’interno delRegistro Europeo EREPS dei professionisti dell’esercizio fisico, per esercitare la professione non solo nel nostro paese ma anche all’estero.

 

 

Al via la quarta edizione di Basilicata Cineturismo Experience

in Appuntamenti/Cultura

Ritorna il 29,30 e 31 agosto la 4° edizione del “Basilicata Cineturismo Experience”, nato nel 2014, da una felice intuizione di Giuseppe Lalinga con il supporto artistico e progettuale del regista Giuseppe Marco Albano.

L’iniziativa promossa dal Gal Start 2020 – ha dichiarato il consigliere d’Amministrazione Nicola Caruso – punta ad incoraggiare e promuovere la diffusione del cineturismo come nuova chiave di lettura per la scoperta di aree meno note e conosciute, non solo da parte di turisti ma anche di autori, registi e produttori cinematografici.  Pertanto, il progetto  intende valorizzare questo trend virtuoso attraverso l’identificazione ed il potenziamento degli itinerari cine-turistici di maggiore interesse.

La manifestazione prevede un ricco programma di appuntamenti. Si comincia il 29 agosto a Bernalda con una serata di benvenuto con ospiti istituzionali e del mondo del cinema: saranno presenti l’attore e il regista Matteo Pianezzi, Giuseppe Marco Albano, regista e sceneggiatore e Adele Dell’Erario, ideatrice del Progetto Castello Errante. Il 30 agosto l’iniziativa si sposta a Ferrandina, presso il Chiostro del Monastero di Santa Chiara, dove alle ore 20:30 avrò inizio un incontro con gli autori a cui parteciperanno il regista Nicola Ragone, l’autore Luigi Vitelli e Giuseppe Marco Albano, regista e sceneggiatore. Al termine ci sarà la proiezione del documentario “Vado Verso Dove Vengo” di Nicola Ragone. L’ultima serata della manifestazione, infine, sarà a Montescaglioso, il 31  agosto alle ore 19:30 presso l’Abbazia di San Michele Arcangelo. Dopo gli interventi istituzionali, a cui prenderà parte il vicepresidente e assessore alle Politiche Agricole e Forestali Francesco Fanelli, la tre giorni si concluderà con l’intervista del giornalista Sergio Palomba all’attore Francesco Di Leva, protagonista de “Il sindaco del rione Sanità” di Mario Martone, che sarà proiettato al termine della serata.

Durante la tre giorni saranno previsti specifici incontri e dibattiti legati al virtuoso rapporto tra cinema e territorio dove interverranno amministratori locali ed esperti di settore che si confronteranno sulle potenzialità della Basilicata sempre più percepita come terra di cinema. 

Il progetto ha concluso Leonardo Braico presidente del GAL START 2020 intende rafforzare la sperimentazione di proposte turistiche e movie tour ad alta intensità esperienziale oltre alla creazione e diffusione d’innovativi prodotti audiovisivi.

Al via la prima edizione del Metaponto Film Network

in Cultura

Si terrà a Bernalda e Metaponto il 28 e 29 agosto 2020 la prima edizione del Metaponto Film Network, un business event cinematografico rivolto principalmente ai documentari ed agli esordi, che si propone come progetto inclusivo non solo degli operatori del settore, ma anche di istituzioni e attori socio-economici, a riconoscimento della valenza del cinema in quanto forma d’arte ma anche settore produttivo che genera ricadute positive su un ampio tessuto territoriale.

L’evento, organizzato dall’Associazione Lukania Sound Digital in collaborazione con l’Olbia Film Network, è sostenuto dal Comune di Bernalda patrocinato dalla Fondazione Lucana Film Commission, Lucania film Festival, Storie Parallele e in collaborazione con Mediterraneo Cinematografica e DOC.it Associazione Documentaristi Italiani. Un progetto, quindi, che unisce due territori, Sardegna e Basilicata, tramite un concetto rinnovato di giornate professionali dedicate all’impresa cinematografica.

Appuntamenti professionali dedicati agli accreditati provenienti da tutto il mondo del documentario: autori, produttori, distributori, buyers, amministratori e più in generale, professionisti dell’intera filiera cinematografica hanno qui l’occasione di incontrarsi e di confrontarsi su temi specifici di interesse comune.

La manifestazione prevede un ricco programma di appuntamenti. Si comincia il 28 agosto con un talk sul green production management, cioè sul rapporto tra l’industria cinematografica e il tema dell’ambiente in un settore che spesso è stato un precursore nel portare all’attenzione globale questioni connesse all’inquinamento, alla crisi climatica e alla perdita di biodiversità.

Il 29 agosto si terrà, invece, una pitch session, nel corso della quale di fronte a un parterre di professionisti del settore, come editor televisivi, circuiti di cinema, produttori indipendenti, distributori, sales agent e direttori di festival, 10 giovani autori avranno l’opportunità di presentare i loro progetti documentaristici agli intervenuti con l’auspicio di finalizzare accordi di produzione, co-produzione e distribuzione. Il miglior pitch, decretato da autorevole decision maker, vincerà il premio Camera Service del valore di 2.500,00 Euro in servizi e il Premio DOC.it che permetterà di partecipare di diritto ai prossimi IDS Industry di Ottobre.

 Inoltre in entrambe le giornate si terranno i lavori dell’Atelier EURO.MED, un laboratorio di sviluppo che permetterà a tre autori di far crescere il proprio progetto in due workshop residenziali accompagnati da tutors di livello internazionale. Non mancheranno infine momenti di aggregazione alla scoperta della Basilicata. La presenza di location meravigliose e la possibilità che queste divengano parte attiva dell’evento rappresenta un enorme punto di forza e ogni pomeriggio tutti i partecipanti si trasferiscono sulle spiagge dove avranno la possibilità di godere di zone riservate grazie al sostegno dei partner commerciali Lido DomPablo, Camping Riva dei Greci e Progetto Ambiente.

Formazione certificata per Personal Trainer con Fitnessway

in La Grande Bellezza

La figura professionale del personal trainer deve possedere una serie di conoscenze specifiche necessarie per offrire un servizio di livello. Una combinazione di nozioni teoriche e pratiche che permettono di supportare in ogni occasione l’individuo che sceglie di essere affiancato lungo tutto il percorso di allenamento. Per operare in sicurezza, erogando un servizio di valore, è dunque importante poter disporre delle corrette certificazioni che dimostrino di essersi impegnati in una formazione di reale qualità.

Per operare al meglio come personal trainer occorre svolgere una formazione adeguata, di comprovato valore. Un impegno che si può anche rinnovare nel corso del tempo, tenendosi costantemente aggiornati, in modo da assicurarsi di svolgere un servizio sempre efficace.

Non basta, infatti, essere appassionati di sport per poter supportare le persone alla ricerca del loro benessere fisico e della loro forma fisica ideale. Al contrario, è importante poter disporre di un’ampia serie di conoscenze, che possono risultare di grande aiuto per approcciare al meglio alle più diverse individualità con cui si andrà a lavorare.

Proprio per questo, diviene strategico frequentare un corso mirato, che possa fornire anche una certificazione valida a livello nazionaleedeuropeo, come quella rilasciata da Fitnessway, scuola di formazione professionale che propone ai clienti numerosi percorsi formativi, tra cui quello per ottenere la qualifica di personal trainer. Acquisire tutte le competenze necessarie, sia pratiche che teoriche, per ricoprire questo ruolo è fondamentale per poter supportare attivamente le persone nel loro percorso,senza correre o far correre rischi. Questo è un elemento che è bene sempre tenere in considerazione, dal momento che durante le attività si va a interferire e a interagire con la salutedelle persone.

Personal trainer certificato: i punti chiave della formazione

Innanzitutto,per un aspirante personal trainer è importante conoscere le modalità e i processi di funzionamento del corpo umano.A questi sono collegati anche la possibilità di valutare lo stato di salute, l’alimentazione di riferimento e gli sforzi a cui è consigliabile o meno sottoporre l’organismo. In aggiunta, parte della formazione deve approfondire un’ampia varietà di informazioni scientifiche, basi fondamentali perevitare possibili imprevisti o danni anche rilevanti. Proseguendo,un corso deve focalizzarsi ovviamente anche sulla parte pratica: è così che – insieme alle conoscenze teoriche – si acquisiscela giusta abilitàperimparare ad eseguire al meglionumerosi tipi di attività.

 

L’importanza della formazione certificata per operare in sicurezza

La formazione per personal trainerpassa dunque dall’anatomia umana alla fisiologia, dalla biomeccanica alla nutrizione,per poi giungere alle vere e proprie tecniche di allenamento, necessarie per impostare un percorso personalizzato sulla base delle esigenze individuali.

Per questo, nel bagaglio di competenze deve essere inserita anche la capacità di mostrare empatia, ascoltare e motivare tutti coloro che scelgono di affidarsi ad un personal trainer.

Oltre alla parte di apprendimento, un buon corso professionale deve infine poter fornire una o più certificazioni riconosciute in Italia e all’estero. A questo proposito, un esempio concreto è rappresentato dal corso di personal trainerdiFitnessway, che permette innanzitutto di ricevere il Diploma Nazionale Personal Trainer.

La certificazione viene erogata in sinergia con l’ASI, un ente riconosciuto dal CONI e dal Ministero dell’Interno. Ciò consente di effettuare la successiva iscrizione all’Albo Nazionale dei Tecnici dell’Ente,così da poter essere annoverati tra i personal trainer certificati e abilitati a operare.

Seguendo questo corso si ha, infine, la possibilità di essere accreditati all’interno delRegistro Europeo EREPS dei professionisti dell’esercizio fisico, per esercitare la professione non solo nel nostro paese ma anche all’estero.

 

 

Teatro dei Calanchi, edizione speciale il 29 e il 30 Agosto a Pisticci

in Cultura

Dopo il grande successo di Teatro dei Calanchi, con sold-out nella quattro giorni da poco conclusa, il 29 e 30 agosto nello scenario suggestivo dei Calanchi si terrà una edizione speciale imperdibile.

Teatro dei Calanchi si conferma come un evento unico nel suo genere: il festival totalmente unpluggedche fa dei calanchi di Pisticci un’area artistica a cielo aperto, amplia il suo programma e si riapre al pubblico nei giorni 29 e 30 agosto per un’esperienza unica. Il prossimo weekend infatti, il cuore d’argilla del metapontino pulserà d’arte scenica e musicale. La due giorni vedrà in replica alcuni eventi che nelle scorse settimane hanno riscosso un importante successo. Si inizia il 29 agosto con Calanchi XP, l’escursione nei calanchi a cura di Fabio Quinto, ricercatore ed esperto di fauna selvatica, e Maurizio Rosito, guida ambientale escursionistica. Alle 21 sarà la volta di Delirium, la pièce diretta da Daniele Onorati, in cui la realtà si deforma mostrando il suo scheletro, fatto di istinto e irrazionalità: “Per me, Delirium è la lente perfetta per leggere i frutti di quest’edizione, raccolti in un anno difficile, in cui tutti abbiamo sfiorato il delirio o ne siamo stati toccati” ha detto Onorati, visionario ideatore di Teatro dei Calanchi. Subito dopo, sarà la volta di Festivàl degli Insetti, che ha per protagonisti i giovani allievi-attori di TeatroLab, il laboratorio teatrale che – negli ultimi anni – punta alla formazione artistica dei talenti lucani. Al centro di Festivàl degli Insetti è la relazione fra l’uomo e l’ecosistema: i calanchi fanno da quinta a questa riflessione quanto mai attuale. Domenica 30 agosto, Calanchi XP e Delirium saranno suggellati dalla performance musicale al tramonto Sal Russo Gipsy Jazz Trio, con Tony Miolla alla chitarra ritmica e Danilo Amato al contrabbasso. Chitarrista di fama internazionale, Salvatore Russo ha suonato e collaborato con importanti cantautori della scena musicale italiana. Il repertorio del trio propone musica internazionale in chiave manouche francese, contaminato da ritmi che richiamano alla rumba e al tango, fino allo swing. Il festival si chiuderà con una suggestiva escursione in notturna sulle tracce del lupo. Anche per questa edizione straordinaria di Teatro dei Calanchi sarà possibile prenotare, attraverso la sottoscrizione effettuabile esclusivamente online, il proprio sacchetto gastronomico,  colmo di prelibatezze culinarie locali, fornito da Apino di Nicodemo Store.

 PROGRAMMA

29 AGOSTO

H19.00   CALANCHI XP | escursione

H21.00   DELIRIUM | teatro dell’assurdo

H22.30 FESTIVÀL DEGLI INSETTI | teatro per ragazzi

 

30 AGOSTO

H19.00   SAL RUSSO GIPSY JAZZ TRIO | concerto

H21.00   DELIRIUM | teatro dell’assurdo

H22.30   CALANCHI XP | escursione

 

Sant’Angelo le Fratte, “Corti in Cantina” 2020: ecco tutti i premiati

in Cultura

Si è tenuta domenica 23 agosto in Piazza dei Martiri di Sant’Angelo le Fratte la nona edizione della rassegna cinematografica di cortometraggi lucani “Corti in Cantina”, ormai appuntamento consolidato di cinema estivo in Basilicata.

Alla presenza del direttore artistico Giuseppe Marco Albano e di tanti volti noti del cinema lucano, sono stati consegnati i riconoscimenti ai talenti ed ai professionisti che si sono distinti nel mondo del cinema. Hanno partecipato alla serata il primo cittadino Michele Laurino, il vicesindaco Vincenzo Ostuni, Angelo Troiano e Francesco Lattarulo di Mediterraneo Cinematografica e poi ancora Carlo De Ruggieri, Nicola Ragone, Antonio Andrisani e tanti altri.

“Essere il direttore artistico di Corti in Cantina – ha dichiarato Giuseppe Marco Albano – è sempre un piacere e un onore, premiare i tanti professionisti lucani impegnati nel panorama cinematografico italiano. Ringrazio tutti coloro che hanno partecipato alla serata e tutti gli organizzatori per la buona riuscita della rassegna”.

Ben condotta la manifestazione dalla giornalista Margherita Sarli. Una calorosa partecipazione ha riscaldato la serata premiando le proiezioni dei cortometraggi con un pubblico molto attento, che ha gradito la selezione di opere brevi che raccontavano tante storie attraverso diversi generi.

Il finale della manifestazione, organizzata dalla società di produzione Mediterraneo Cinematografica con il patrocinio dell’Amministrazione comunale di Sant’Angelo Le Fratte, è stato interamente dedicato all’ospite d’onore della serata, il direttore della fotografia Giovanni Ragone e il premio alla carriera a lui dedicato. Una clip delle migliori scene dei film a cui ha preso parte ha introdotto l’intervista che ha ripercorso i tanti anni di carriera.

Questi tutti i premiati dell’edizione 2020:

Soffio: Miglior Corto e Miglior Regia a Nicola Ragone

Il Nido: Miglior Attore a Carlo De Ruggieri

Stardust: Miglior Sceneggiatura ad Antonio Andrisani

Novecentonovantanove: Miglior Montaggio a Giorgia Panzardi e Miglior produttore a Giuseppe Brigante

Aeroplano: Miglior Opera Prima a Maria Cristina Di Stefano

Fly: Miglior Musicista a Federico Ferrandina

The Rebel’s escape: Miglior Animazione ad Eugenio Morina

Marinai di Foresta: Miglior Costumista a Federica Groia e Miglior Truccatrice a Giuliana Marsico

Terra Lucana: Miglior Video Poetry a Sergio Ragone

Miglior Disegnatore del Cinema a Martin Caezza

Premio alla Carriera 2020 a Giovanni Ragone

Sant’Angelo le Fratte, “Corti in Cantina” 2020: ecco tutti i premiati

in Cultura

Si è tenuta domenica 23 agosto in Piazza dei Martiri di Sant’Angelo le Fratte la nona edizione della rassegna cinematografica di cortometraggi lucani “Corti in Cantina”, ormai appuntamento consolidato di cinema estivo in Basilicata. Alla presenza del direttore artistico Giuseppe Marco Albano e di tanti volti noti del cinema lucano, sono stati consegnati i riconoscimenti ai talenti ed ai professionisti che si sono distinti nel mondo del cinema. Hanno partecipato alla serata il primo cittadino Michele Laurino, il vicesindaco Vincenzo Ostuni, Angelo Troiano e Francesco Lattarulo di Mediterraneo Cinematografica e poi ancora Carlo De Ruggieri, Nicola Ragone, Antonio Andrisani e tanti altri. “Essere il direttore artistico di Corti in Cantina – ha dichiarato Giuseppe Marco Albano – è sempre un piacere e un onore, premiare i tanti professionisti lucani impegnati nel panorama cinematografico italiano. Ringrazio tutti coloro che hanno partecipato alla serata e tutti gli organizzatori per la buona riuscita della rassegna”.

Ben condotta la manifestazione dalla giornalista Margherita Sarli. Una calorosa partecipazione ha riscaldato la serata premiando le proiezioni dei cortometraggi con un pubblico molto attento, che ha gradito la selezione di opere brevi che raccontavano tante storie attraverso diversi generi.

Il finale della manifestazione, organizzata dalla società di produzione Mediterraneo Cinematografica con il patrocinio dell’Amministrazione comunale di Sant’Angelo Le Fratte, è stato interamente dedicato all’ospite d’onore della serata, il direttore della fotografia Giovanni Ragone e il premio alla carriera a lui dedicato. Una clip delle migliori scene dei film a cui ha preso parte ha introdotto l’intervista che ha ripercorso i tanti anni di carriera.

Questi tutti i premiati dell’edizione 2020:

Soffio: Miglior Corto e Miglior Regia a Nicola Ragone

Il Nido: Miglior Attore a Carlo De Ruggieri

Stardust: Miglior Sceneggiatura ad Antonio Andrisani

Novecentonovantanove: Miglior Montaggio a Giorgia Panzardi e Miglior produttore a Giuseppe Brigante

Aeroplano: Miglior Opera Prima a Maria Cristina Di Stefano

Fly: Miglior Musicista a Federico Ferrandina

The Rebel’s escape: Miglior Animazione ad Eugenio Morina

Marinai di Foresta: Miglior Costumista a Federica Groia e Miglior Truccatrice a Giuliana Marsico

Terra Lucana: Miglior Video Poetry a Sergio Ragone

Miglior Disegnatore del Cinema a Martin Caezza

Premio alla Carriera 2020 a Giovanni Ragone

Domani a Policoro la presentazione di “Milanisti Leopardiani”, libro d’esordio di Danilo Fittipaldi

in Appuntamenti/Cultura

Sabato 22 agosto, presso il Mirror Speakeasy all’interno della cornice del Borgo Casalini di Policoro, si terrà la presentazione del libro “Milanisti Leopardiani: Cronache letterarie della stagione 2019/20” di Danilo Fittipaldi, giovane policorese con la passione per la scrittura, attualmente a Salerno dove insegna Economia Aziendale nelle scuole superiori della Provincia.

L’iniziativa, organizzata dall’agenzia pubblicitaria Officine Creative in collaborazione con IlMetapontino.it, avrà inizio alle ore 21:00 e potrà contare sulla partecipazione dell’assessore alla cultura del Comune di Policoro Nicola Celano che darà il proprio saluto istituzionale, e di Roberto Mele de IlMetapontino.it, che modererà l’incontro.

«La scintilla dalla quale ha preso forma questo libello – spiega l’autore Danilo Fittipaldi – si è generata durante una sera di novembre. Era un mercoledì e, come succede ormai da troppi anni, la Champions League si palesava davanti ai nostri occhi senza che il Milan vi prendesse parte. Per di più, al di fuori della finestra pioveva. Non potevamo che essere in qualche modo desolati e questo stato d’animo fece emergere una sorta di comunione spirituale con il Leopardi.».

Il volume, come da titolo, ripercorre in prosa e in versi le vicende rossonere di questa stagione in chiave originale ed ironica. «Se avrete la bontà di leggere – conclude Fittipaldi – vi accorgerete che raccontare il calcio è stata un’occasione per tirare fuori tutt’altre storie».

Alcuni brani, inoltre, verranno interpretati da Pierpaolo Lardo.

L’iniziativa, per rispettare le misure anticontagio, si svolgerà all’aperto con il necessario distanziamento dei posti a sedere. Per partecipare all’iniziativa sarà obbligatorio indossare la mascherina.

Al via a Sant’Angelo Le Fratte la nona edizione di “Corti in Cantina”. Premio alla carriera al direttore della fotografia Giovanni Ragone.

in Appuntamenti/Cultura

La IX edizione della rassegna cinematografica di cortometraggi lucani “Corti in Cantina – 2020” si svolgerà come consuetudine nella suggestiva cornice di Sant’Angelo Le Fratte (PZ) il 23 agosto, in Piazza dei Martiri, a partire dalle ore 20,30.

La rassegna, organizzata dalla società di produzione Mediterraneo Cinematografica con il patrocinio dell’Amministrazione comunale di Sant’Angelo Le Fratte, vede come protagonista il cortometraggio con il suo linguaggio breve e il cinema lucano nelle sue varie sfumature.

L’iniziativa, sotto la Direzione Artistica del regista Giuseppe Marco Albano, nasce, infatti, per valorizzare, promuovere e premiare i talenti lucani che si sono distinti nel mondo del cinema: registi, sceneggiatori, attori, produttori, scenografi e direttori della fotografia. I premi sono assegnati da una giuria di qualità composta da esperti del settore cinematografico.

«Per me è un onore essere per il nono anno consecutivo – dichiara Giuseppe Marco Albano – il direttore artistico di questa bellissima rassegna, che punta i riflettori sui tanti talenti lucani presenti nel panorama cinematografico italiano. Ringrazio il sindaco Michele Laurino e l’Amministrazione comunale di Sant’Angelo Le Fratte per l’ospitalità e gli organizzatori per il lavoro profuso in questi mesi per l’organizzazione della manifestazione».

Durante la serata verrà assegnato anche il premio speciale alla carriera, che in questa edizione andrà a Giovanni Ragone, materano di nascita, direttore della fotografia. Inizia la sua carriera nel 1980 a Roma come operatore di macchina in diversi film tra i quali “Enrico IV” di Marco Bellocchio, “Aprile” di Nanni Moretti e “Il piccolo diavolo” di Roberto Benigni. Dal 2000 si dedica esclusivamente al mestiere di direttore della fotografia lavorando in vari generi: film, documentari, serie tv, pubblicità e videoclip.

«Siamo felicissimi e onorati – continua il direttore artistico Albano – di premiare e ospitare un grande direttore della fotografia del cinema italiano. Che tanti anni fa ha lasciato la propria terra, la Basilicata per rincorrere il sogno del cinema come fanno tanti altri giovani lucani, compreso me. Spero che il suo esempio possa influenzare positivamente i tanti giovani lucani impegnati nel mondo della settima arte».

La serata sarà presentata dalla giornalista lucana Margherita Sarli.

Main Competiton Cinemadamare a Nova Siri: i vincitori

in Cultura

Annunciati in occasione della serata finale di Cinemadamare i nomi dei vincitori della Main Competition, concorso ufficiale internazionale di cortometraggi e documentari al centro del format del Campus Itinerante, insieme alla Weekly Competition. Una giuria di qualità, presieduta dal giornalista e membro della Lucana Film Commission Salvatore Verde, e composta da Pasquale Castronuovo, criminologo, Dino Romano, ingegnere, Maria Grazia Settembrino, presidente di associazione esperta nella promozione dell’immagine della Basilicata, e Carmela Francolino collaboratrice di un’organizzazione Onlus ed organizzatrice da quattro anni di un Festival del Cinema dei Palestinesi a Parigi, ha attribuito i seguenti riconoscimenti: il premio per il miglior film e la migliore regia va a “Happy Birthaday” di Lorenzo Giovenca (Italia); miglior attore, Giulio Beranek, per il film “Il Mondiale in Piazza” (Italia); migliore sceneggiatura a Valentina  Signorelli, Gualtiero Titta e Piero Brundo per il film “Happy Birthaday” (Italia), miglior montaggio a Corrado Iuvara per il film “Il Mondiale in Piazza” (Italia), migliore colonna sonora originale al cantante Achille Lauro per il film “Happy Birthday” (Italia); ex aequo per la miglior fotografia a Andrea Manenti per il film “Alleato” (Italia) e Fabrizio Benvenuto per il film “Schiavonea” (Italia). Il Presidente di giuria, Salvatore Verde, ha sottolineato l’unicità del Festival Internazionale del cortometraggio Cinemadamare nato a Nova Siri e considerato qualcosa di unico nel panorama dei festival del cinema dedicati ai corti. “La Kermesse –ha dichiarato Verde- ha innovato la formula e reso itinerante il suo percorso allargando la partecipazione dei giovani filmmakers da ogni parte del mondo e, soprattutto, ha dato slancio creativo alla loro energia, alla loro presenza insieme, al loro modo di rapportarsi con la realtà del territorio, con la produzione dei corti in loco e questa è una genialità del Direttore Franco Rina che ha dimostrato con la sua creatura di saper conquistare una sua dimensione unica nel panorama mondiale. Adesso si proietta per Cinemadamare un futuro ancor più impegnativo, con la formazione degli stessi filmmakers partecipanti che quindi scambiano il loro culturale, tecnico, di conoscenza, esperienza, per arricchire ancora di più una proposta che ha segnato l’immaginario cinematografico in Basilicata e non solo, dimostrando che si può fare un festival originale, nuovo, con una qualità di corti di grande valore”. Si chiude una settimana all’insegna del Cinema d’autore, con gli omaggi ad Ennio Morricone ed al Cinema Lucano, ed una particolare attenzione alle tematiche ambientali. I cidiemmini hanno lasciato la Basilicata, ma mantengono ancora vivo il ricordo di questa terra e delle sue suggestioni cinematografiche.

 

 

 

Torna su