Archivio categoria

Cronaca - page 2

Facoltà di medicina: anche in Basilicata i test

in Cronaca

Facoltà di medicina: anche in Basilicata i test. Il governatore Vito Bardi: “Apriamo una nuova stagione”

Dei 60 quesiti a cui rispondere in 100 minuti, 12 sono di cultura generale, 10 di logica, 18 di biologia, 12 di chimica e 8 di fisica e matematica.

 

“Con la somministrazione dei quiz agli aspiranti medici che hanno chiesto di frequentare in Basilicata il neonato corso di laurea mettiamo un altro importante tassello nel ricco mosaico di iniziative che il Governo regionale sta mettendo in campo per la crescita del nostro territorio, dei suoi giovani, delle sue intelligenze”. Lo afferma il presidente della Regione Basilicata, Vito Bardi, alla vigilia dell’avvio dei test in programma il 3 settembre in contemporanea in tutta Italia.

“Era da molto tempo – aggiunge Bardi – che i lucani aspettavano l’avvio di questo importante corso di laurea che consentirà non solo di allargare l’offerta formativa dell’università degli studi della Basilicata e di offrire un’alternativa ai nostri giovani che vogliono diventare medici restando nella loro terra, ma anche di rafforzare la qualità del nostro sistema sanitario. E’ un obiettivo che abbiamo raggiunto con determinazione e spinti dal desiderio di dare una risposta concreta alle legittime aspettative della nostra comunità”.

La somministrazione dei quiz ricalca lo schema dell’anno scorso: dei 60 quesiti a cui rispondere in 100 minuti, 12 sono di cultura generale, 10 di logica, 18 di biologia, 12 di chimica e 8 di fisica e matematica.

A partecipare ai test in Basilicata saranno circa 300 aspiranti medici per 64 posti disponibili che potrebbero diventare 74 alla luce di un eventuale nuovo decreto da parte del Governo nazionale. “A loro, a queste ragazze ed a questi ragazzi, voglio rivolgere il saluto mio e di tutti i lucani e gli auguri di buon lavoro per le sfide importanti che stanno per affrontare”.

Segui ilMet su Instagram

Facoltà di medicina in Basilicata: via libera da Anvur

Terremoto di magnitudo 3.4 fra Craco e Stigliano

in Cronaca

Terremoto di magnitudo 3.4 fra Craco e Stigliano. L’evento sismico che ha riguardato la Basilicata è stato localizzato dalla Sala Sismica INGV-Roma.

Il 14 Agosto del 2021 alle ore 11:29 è stata registrata una scossa di terremoto di magnitudo 3.4 e profondità 22.9 km a Craco (MT). Secondo la scala Richter, un evento sismico di magnitudo 3.4 è classificato come terremoto “molto leggero” e descritto nel modo seguente: “spesso avvertito, ma generalmente non causa danni”.

Alcuni dei comuni lucani entro 20 chilometri dall’epicentro: Stigliano (MT) 11 km, San Mauro Forte (MT) 12 km, Ferrandina 12 km, Pisticci (Mt) 18 km, Pomarico (Mt) 19 km. Le città più vicine con almeno 50.000 abitanti. Il terremoto è stato localizzato: 34 Km a SW di Matera (60436 abitanti), 48 Km a SW di Altamura (70396 abitanti), 53 Km a E di Potenza (67122 abitanti) 74 Km a W di Taranto (201100 abitanti), 82 Km a SW di Bitonto (55540 abitanti), 89 Km a SW di Bari (326344 abitanti), 90 Km a S di Molfetta (59874 abitanti), 90 Km a S di Andria (100440 abitanti), 92 Km a S di Bisceglie (55422 abitanti), 95 Km a S di Trani (56217 abitanti), 100 Km a S di Barletta (94814 abitanti). Per ulteriori approfondimenti consultare il sito di geofisica e vulcanologia

MAGNITUDO: COS’E’?

In sismologia la magnitudo (in latino: magnitūdo, -ĭnis, “grandezza”) è una misura indiretta dell’energia meccanica sprigionata da un evento sismico all’ipocentro, basandosi sull’ampiezza delle onde sismiche registrate dai sismografi in superficie. La magnitudo permette di risalire alla quantità totale di energia liberata dall’evento sismico.

Dato che le energie dei terremoti e di conseguenza le ampiezze delle onde sismiche hanno un campo di variazione estremamente ampio, il sismologo statunitense Charles Francis Richter stabilì nel 1935 un metodo per la classificazione dei terremoti in base alla potenza prendendo come riferimento una traccia di ampiezza 0,001 mm lasciata su un sismografo orizzontale a torsione del tipo Wood-Anderson relativa ad un sisma a 100 km di distanza. Il logaritmo dell’ampiezza massima registrata da un sismografo durante un sisma, messo in relazione all’ampiezza di riferimento, propone una scala di valori logaritmica delle energie registrate che venne successivamente detta scala Richter e può anche presentare valori negativi essendo logaritmica [WIKIPEDIA]

Scala Richter, confronto con la Scala Mercalli
Mentre la scala Mercalli valuta l’intensità del sisma basandosi sui danni generati dal terremoto e su valutazioni soggettive, la magnitudo Richter tende a quantificare l’energia sprigionata dal fenomeno sismico su base puramente strumentale. La magnitudo Richter è stata definita per non dipendere dalle tecniche costruttive in uso nella regione colpita.

La scala Mercalli valuta solamente gli effetti dei danni di un terremoto in base all’intensità, dal valore minimo di I grado fino alla distruzione totale di XII grado. La scala Richter invece misura la magnitudo locale, ottenuta dall’ampiezza massima delle oscillazioni registrate da un sismometro standard, il Woods-Anderson. La scala Richter risulta inefficace per magnitudo superiore a 9 gradi perché emettono frequenze più basse rispetto a 0,8 Hz.T [WIKIPEDIA]

Nella categoria dedicata le principali notizie di cronaca del territorio e della Basilicata.

 

Domiciliari per giovane sospettato di essere uno stalker

in Cronaca

Domiciliari per giovane sospettato di essere uno stalker. Le indagini  condotte dalla Questura di Matera. La “gelosia” sarebbe il movente. E’ quanto emergerebbe dalle ricostruzioni investigative. La polizia, inoltre, riferisce di un episodio particolarmente significativo da cui è scaturita al denuncia.

“Agenti della Questura di Matera hanno eseguito un’ordinanza applicativa della misura cautelare degli arresti domiciliari presso la propria abitazione, nei confronti di un materano di 19 anni, disposta dal G.I.P. del Tribunale di Matera”, è riportato nel comunicato stampa diffuso dalla Questura di Matera in queste ore.  L’ordinanza è stata emessa a seguito di attività di indagine condotta dalla Squadra Mobile e coordinata dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Matera, nell’ambito di un procedimento penale che ha visto “il giovane materano

indagato per i reati di atti persecutori, sequestro di persona e lesioni personali aggravati, commessi nei confronti di persona di una ragazza di 16 anni con la quale l’arrestato aveva da poco terminato una burrascosa relazione.

Qualche settimana prima la minorenne aveva denunciato in Questura le continue violenze, maltrattamenti e prevaricazioni perpetrate nei suoi confronti dal suo ex ragazzo, con il quale aveva avuto una relazione durata 3 anni”, è scritto nella nota della Questura.

Secondo la ricostruzione degli investigatori, alla base degli atteggiamenti contestati al ragazzo ci sarebbero ragioni riconducibili alla gelosia.

Infine, nella nota stampa la Questura ha riportato che:
“Le continue aggressioni hanno raggiunto il culmine una sera quando il giovane materano incontrava per strada la sua vittima, e dopo averla apostrofata con offese varie, iniziava a strattonarla per costringerla a seguirlo. Di fronte al rifiuto, lo stalker la colpiva con calci alla gamba tanto da farla refertare e procurandole varie lesioni”.
E, infine: “Solo a seguito di questi ultimi fatti, la minorenne presentava denuncia in Questura, e scattavano gli accertamenti giudiziari che hanno confermato le sue dichiarazioni”.

Nella categoria cronaca, le principali notizie del territorio.

Segui ilMet su Instagram

Inchiesta Regione Basilicata. Bardi: “fiducia nella magistratura”

in Cronaca
Giustizia: il tribunale di Potenza

Inchiesta Regione Basilicata. Bardi: “fiducia nella magistratura”. Gli investigatori indagano sulla natura di rapporti fra amministratori, professionisti e imprenditori

La notizia dell’inchiesta è stata data da ilQuotidiano del Sud,  da quanto riportato dal giornale, i fari degli investigatori si sarebbero accesi sul “presunto sistema di favori fra amministrazione pubblica, imprenditori e professionisti”. Su questo tipo di intrecci e sulla loro natura faranno ovviamente luce gli organi inquirenti, le ipotesi spaziano dall’abuso di ufficio alla concussione fino all’associazione a delinquere e “allo scambio elettorale politico mafioso”. Sono quindi molto seri i sospetti su cui gli organi competenti dovranno fare i necessari accertamenti. Dalle notizie riportate dal Quotidiano del Sud sembrerebbe che i fatti finiti nell’inchiesta coinvolgerebbero sia la Regione, sia alcuni comuni lucani che persone collegate professionalmente a pubblici amministratori.

Il governatore della Basilicata, Vito Bardi, è intervenuto nella vicenda e ha commentato in queste ore:  “Da uomo delle Istituzioni ho piena fiducia nelle indagini della Magistratura e al contempo sono sicuro che le persone coinvolte nell’indagine sapranno dimostrare nelle sedi opportune la propria estraneità alle ipotesi di reato. In riferimento al coinvolgimento del Sig. Mario Araneo, tengo a precisare che si tratta di una persona che ha un contratto di collaborazione esterna di Segreteria. Sarà mia cura fare le opportune valutazioni dopo un approfondito confronto, nel frattempo attiverò le procedure interne. La mia vita è sempre stata all’insegna della legalità e del rispetto delle regole. Mi auguro pertanto che su questa vicenda venga fatta luce nel minor tempo possibile. I lucani meritano chiarezza e trasparenza”. Lo afferma in una nota il presidente della Regione Basilicata, Vito Bardi, in relazione a un articolo apparso stamattina sul “Quotidiano del Sud” in merito a un’indagine della Procura di Potenza.

Rocco Leone, assessore regionale alla Sanità.

“Ho totale fiducia nella magistratura, da uomo delle Istituzioni. Nella mia vita non ho mai perseguito l’utile personale. Chi mi conosce sa bene che intendo, da sempre, la mia attività lavorativa come una missione e non come un’attività da cui trarre un vantaggio economico. Spero di poter essere ascoltato quanto prima dal pubblico ministero, in modo da fare chiarezza e poter rivendicare una storia personale e politica di rettitudine e legalità”.

Lo afferma in una nota, l’assessore alla Salute e Politiche della Persona, Rocco Leone.

Nella categoria dedicata le principali notizie di cronaca che riguardano la Basilicata e il

Un estratto della dichiarazione dell’assessore regionale Cupparo: “mai ricevuto atti che mi riguardino dalla magistratura”

 “Sono sempre fiducioso nell’operato della Magistratura e quindi confermo la piena disponibilità, una volta conosciute le eventuali contestazioni, a fornire tutti i chiarimenti nelle opportune sedi. Posso solo dire di non aver mai ricevuto da parte di organi giudiziari notizie o atti che mi riguardino. L’odierno articolo del “Quotidiano del Sud”, peraltro, non chiarisce il mio presunto coinvolgimento a che titolo e per quali fatti. Sono comunque sereno perché in tema di onorabilità e correttezza amministrativa, conoscendo e praticando solo la buona politica, credo di non avere nulla da dimostrare e chi mi conosce ne è consapevole”.

Lo dichiara l’assessore regionale Francesco Cupparo.

comprensorio Metapontino.

Segui ilMet su Instagram

Foto archivio, non si riferisce al fatto descritto nell’articolo

Incidente mortale sulla SS 653 Sinnica: due decessi

in Cronaca

Incidente mortale sulla SS 653 Sinnica: due decessi. Lungo la SP 123, invece, nel comune di Genzano, auto esce di strada senza gravi conseguenze

Doppio intervento questa mattina per i Vigili del fuoco del Comando di Potenza.
Il primo alle ore 06.15 circa sulla SP 123/bis al Km 6 nel comune di Genzano di Lucania, sono intervenuti per incidente stradale.
Una autovettura è uscita di strada, all’interno tre ragazzi che all’arrivo dei VV.F. del distaccamento di Palazzo San Gervasio erano già fuori dall’abitacolo, tutti trasportati in ospedale per ulteriori accertamenti. I VV.F. hanno messo in sicurezza il veicolo per evitare l’insorgere di incendi. I Vigili del fuoco sono intervenuti con una autopompa ed un fuori strada per un totale di cinque unità.
Sul posto Carabinieri e 118.

Urto fra automobile e furgone: muoiono i rispettivi conducenti.

A pochi minuti alle ore 6.40 circa sulla SS 653 Sinnica nel comune di Lauria, i Vigili del fuoco con il personale in servizio presso il distaccamento di Lauria, sono intervenuti per un incidente stradale che ha coinvolto due veicoli, una autovettura e un furgone. Deceduti i rispettivi conducenti, l’autovettura dopo il forte impatto ha preso fuoco.
I VV.F. hanno spento l’utovettura ed evitato che l’incendio si propagasse anche al furgone,

per recuperare i corpi è stato necessario l’utilizzo di cesoie e divaricatori.

La strada è stata chiusa e riaperta solo dopo l’ultimazione dei rilievi stradali per risalire alla dinamica dell’incidente. I Vigili del fuoco sono intervenuti con una autopompa ed un fuori strada per un totale di cinque unità. Sul posto Caribinieri, 118 e Anas.

Segui ilMet su Instagram

Nella categoria cronaca le principali notizie del comprensorio e regionali

 

SS Sinnica (fonte wikipedia)

La strada statale 653 della Valle del Sinni (SS 653) oppure Statale Sinnica, è una strada statale italiana che costeggia, per tutto il suo corso, il fiume Sinni. Taglia orizzontalmente la Basilicata collegando l’A2 Salerno-Reggio Calabria, nei pressi dello svincolo di Lauria (svincolo di Lauria Nord), alla strada statale 106 Jonica, nei pressi dello svincolo di Policoro (svincolo di Policoro Sud-Zona Artigianale).
La lunghezza totale è di 81,555 km.

 

Fonte: Comando provinciale Vigili del Fuoco Potenza

Foto archivio, non si riferisce al fatto descritto nell’articolo

Ferragosto con Lucifero: anche il Metapontino nella morsa

in Cronaca

Ferragosto con Lucifero: anche il Metapontino nella morsa dell’anticiclone. Si supereranno i 40 gradi.

L’anticiclone già ribattezzato “Lucifero” sta per arrivare sull’Italia e per alcuni giorni le temperature supereranno anche i 45 gradi. Sotto osservazione il Sud e le isole. Il caldo intenso, almeno a Mezzogiorno, allenterà leggermente la presa verso metà settimana: nel week end le temperature saranno comunque molto alte.

Le notizie meteo e cronaca nella categoria dedicata.

Nel dettaglio,  le previsioni della settimana

Lunedì 9 Agosto 2021
Soleggiato e caldo. Vento da Ponente con intensità di 7 km/h. Raffiche fino a 20 km/h. Temperature minime comprese tra 22 e 23 °C e massime comprese tra 41 e 42 °C.
Martedì 10 Agosto 2021
Ampio soleggiamento e caldo. I venti saranno prevalentemente deboli e soffieranno da NW con intensità di 6 km/h. Possibili raffiche fino a 20 km/h. Temperatura minima di 22 °C e massima di 42 °C.
Mercoledì 11 Agosto 2021
Cielo poco nuvoloso. Vento da NO con intensità di 4 km/h. Raffiche fino a 19 km/h. Temperature minime comprese tra 22 e 23 °C e massime comprese tra 41 e 43 °C.
Giovedì 12 Agosto 2021
Giornata bella e calda. Vento da Nord-Nord-Est con intensità di 13 km/h. Raffiche fino a 22 km/h. Temperature minime comprese tra 22 e 24 °C e massime comprese tra 37 e 39 °C.
Venerdì 13 Agosto 2021
Soleggiato e caldo. I venti saranno prevalentemente moderati e soffieranno da NNE con intensità di 14 km/h. Possibili raffiche fino a 22 km/h. Temperature minime comprese tra 21 e 23 °C e massime comprese tra 36 e 38 °C.
Sabato 14 Agosto 2021
Ampio soleggiamento e caldo. Vento da NNE con intensità di 13 km/h. Raffiche fino a 22 km/h. Temperature minime comprese tra 20 e 22 °C e massime comprese tra 36 e 37.

Segui ilMet su Instagram

Dati da ilmeteo

Attività artigianali “sconosciute al Fisco”: operazione nel Metapontino

in Cronaca

Attività artigianali “sconosciute al Fisco”: operazione nel Metapontino. Indagini da parte della Guardia di Finanza di Policoro.

Nell’ambito delle attività di tutela della salute pubblica e di contrasto ai fenomeni di abusivismo, la Compagnia di Policoro ha proceduto “all’individuazione ed al controllo di ben otto attività artigianali completamente sconosciute al fisco, illecitamente svolte presso domicili e strutture private, senza le prescritte autorizzazioni”, si legge nel comunicato stampa inviato dalla Guardia di Finanza.

E, ancora: “I controlli in parola sono stati originati da un intervento “massivo”

presso le abitazioni adibite a saloni e centri estetici, presso i locali adibiti ad officine meccaniche e laboratori di falegnameria, previo nulla osta della competente Autorità Giudiziaria,

intervento eseguito dopo accurata attività info-investigativa da venti militari delle fiamme gialle unitamente a personale specializzato dell’Azienda Sanitaria di Matera, ambito Policoro, qualificato per gli aspetti igienico sanitari”.
Nella nota stampa, gli investigatori hanno inoltre spiegato:

“Dagli accertamenti svolti si è potuto stabilire come le attività di parrucchiera, trattamenti per il corpo, manicure, pedicure ed altro, fossero svolte in spregio della normativa regolante il settore:

attraverso l’utilizzo di apparecchiature elettromeccaniche per uso estetico in locali non idonei, privi della conformità ai requisiti igienico sanitari ed edilizi-urbanistici. Sono state rinvenute rilevanti quantità di prodotti cosmetici, smalti, creme, lozioni, fanghi ed i classici lettini ad uso della clientela e sono stati sequestrati i locali utilizzati per le attività abusive. Per quanto riguarda i meccanici abusivi, riscontrata la mancata iscrizione alla Camera di Commercio e la carenza di atti autorizzativi necessari all’avvio ed all’esercizio dell’attività imprenditoriale, sono state confiscate tutte le attrezzature utilizzate (ponti sollevatori, pistole pneumatiche, idropulitrici, compressori, saldatrici, banchi da lavoro, cric, utensili vari)”.

I finanzieri di Policoro, pertanto, “dopo aver constatato che le prestazioni rese dagli artigiani controllati, tutti privi di partita IVA, sono state realizzate completamente “in nero”, in violazione della normativa fiscale tributaria, hanno avviato e concluso tutte le procedure per ricostruire il reale volume d’affari realizzato negli anni d’imposta 2018 e 2019. In particolare, sono risultati sottratti a tassazione introiti per Euro 112.000, con conseguente IRPEF evasa per Euro 25.000”, è scritto nella nota.
E, infine: “Da ultimo, sono state altresì applicate le previste sanzioni amministrative per l’omessa iscrizione all’albo delle Imprese artigiane e l’omessa presentazione della SCIA per l’inizio attività, per un totale di Euro 20.000”, è infine riportato nel comunicato.

 

Nella categoria cronaca le principali notizie e i comunicati del territorio

Segui ilMet su Instagram

Dal 31 Luglio la guardia medica turistica a Policoro

in Cronaca

Dal 31 Luglio la guardia medica turistica a Policoro. Il servizio sarà attivo tutti i giorni, feriali e festivi, nella stessa sede utilizzata nelle scorse stagioni estive, sita in Largo Enotria

Anche per l’estate 2021 sarà attivato il servizio di Guardia Medica Turistica a Policoro. Il servizio, avviato dall’Azienda Sanitaria di Matera su iniziativa e richiesta dell’Amministrazione Comunale, sin dal suo primo insediamento, partirà sabato 31 luglio 2021 e durerà sino al prossimo 5 settembre. Il servizio sarà attivo tutti i giorni, feriali e festivi, nella stessa sede utilizzata nelle scorse stagioni estive, sita in Largo Enotria, lato sinistro del lungomare di Policoro, presso i locali comunali della duna attrezzata attigui al parcheggio, dalle ore 9.00 alle ore 19.00. “Abbiamo fortemente voluto anche quest’anno – dichiara il primo cittadino, Enrico Mascia, non solo garantire la sicurezza nella zona a maggiore affluenza turistica, ma anche contribuire in maniera incisiva a decongestionare il Pronto Soccorso di Policoro, notoriamente sovraffollato durante i mesi estivi”. “Ringrazio a nome di tutta la comunità di Policoro – conclude il Sindaco – l’Azienda Sanitaria di Matera per la sensibilità dimostrata, anche per quest’anno, per consentire a tutti, turisti ed operatori economici, di vivere serenamente ed in sicurezza l’estate 2021, con un riguardo speciale ai colleghi medici a cui va l’augurio di un sereno e proficuo lavoro”.

La Città di Policoro, anche per questo 2021, ha conseguito il riconoscimento della Bandiera Blu.

Segui ilMet su Instagram

Foto: Ufficio Stampa Comune di Policoro

Basilicata, cinque bandiere blu nel 2021: Bernalda, Nova Siri, Pisticci, Policoro e Maratea (Pz)

 

Ospedale San Carlo: doppio espianto di organi

in Cronaca

Ospedale San Carlo: doppio espianto di organi in 24 ore da parte dello stesso gruppo operatorio

Due prelievi multiorgano sono stati effettuati nella serata di ieri e nella mattinata odierna a Potenza, nelle sale operatorie dell’ospedale ‘San Carlo’. Il primo su una donna di cinquant’anni, deceduta per problemi cerebrovascolari, e il secondo su una donna di sessantanove anni, deceduta per emorragia cerebrale massiva.

A darne notizia è il direttore generale dell’Azienda ospedaliera regionale San Carlo, Giuseppe Spera, che “ha ringraziato le famiglie delle due donne per il grande gesto di generosità ed altruismo che dona la speranza di una vita nuova ad altre persone sofferenti e bisognose di ricevere gli organi”.

Le operazioni di prelievo sono state condotte da diverse equipe interaziendali, con il coinvolgimento del personale sanitario dell’Aor San Carlo, dell’ospedale ‘San Camillo’ di Roma, del Policlinico di Bari e dell’ospedale di Palermo. Le donazioni multiorgano hanno interessato i reni, il fegato e, in uno dei due casi, anche il cuore.

“Per la prima volta in Italia nello stesso gruppo operatorio sono stati effettuati due espianti in sole ventiquattro ore.

Ciò è stato possibile grazie allo straordinario sforzo di tipo organizzativo e di disponibilità delle risorse umane impiegate; è pertanto doveroso, questa volta più che mai, rivolgere un sentito ringraziamento a tutti coloro i quali hanno partecipato alle operazioni di prelievo degli organi -ha concluso il direttore generale Spera- e hanno garantito la buona riuscita degli interventi assicurando, anche per mezzo dell’elisoccorso, la tempestività nella consegna degli organi medesimi agli ospedali di destinazione.

Segui ilMet su Instagram

 

In centro con ascia e machete: un arresto a Bernalda

in Cronaca

In centro con ascia e machete: un arresto a Bernalda. L’uomo è domiciliato nel centro jonico ma di nazionalità tunisina

Un uomo di 35 anni è stato sottoposto agli arresti “in flagranza di reato per porto ingiustificato di oggetti atti ad offendere, danneggiamento e resistenza a Pubblico Ufficiale”. Il trentacinquenne, originario dell’Africa, di nazionalità tunisina, è domiciliato a Bernalda.

Dalla ricostruzione fornita dai carabinieri, l’uomo nella serata di domenica avrebbe “terrorizzato i passanti con un machete e un’ascia”, nei confronti degli stessi “avrebbe anche inveito”.

I carabinieri sono intervenuti in Corso Umberto I, hanno individuato l’uomo apparso in “evidente stato di alterazione psicofisica” , lo hanno bloccato e arrestato.

Nella categoria dedicata le principali notizie di cronaca

Segui ilMet su Instagram

Torna su