Archivio categoria

Cronaca

Caccia: in Basilicata approvato calendario venatorio 2022-2023

in Cronaca

Caccia: in Basilicata approvato calendario venatorio 2022-2023. La stagione partirà il 18 settembre e terminerà il 29 gennaio

La stagione venatoria in Basilicata avrà inizio il 18 settembre 2022 e terminerà il 29 gennaio 2023. Lo stabilisce il calendario venatorio approvato dalla Giunta con una deliberazione proposta dall’assessore per le Politiche Agricole, Forestali ed Alimentari Francesco Cupparo.

Tra le novità più significative l’introduzione per quanto riguarda la caccia alla tortora di un sistema di monitoraggio del prelievo mediante App che verificherà in tempo reale in ogni giornata di caccia i prelievi realizzati e li sospenderà al raggiungimento del piano di prelievo massimo di 899 tortore, fornendo tempestiva comunicazione a tutti i cacciatori iscritti all’App (iscrizione obbligatoria) attraverso specifica notifica. Tutti i cacciatori che hanno ritirato il “Tesserino venatorio regionale 2022-2023” possono accedere all’App messa a disposizione della Regione Basilicata gratuitamente.

Sono inoltre previsti interventi di miglioramenti ambientali a fini faunistici, allo scopo di migliorare e/o ripristinare condizioni favorevoli alla specie.

La caccia al cinghiale è consentita dal 15 ottobre 2022 al 15 gennaio 2023 esclusivamente in squadra e solo in battuta e braccata con l’uso esclusivo di munizioni senza piombo, nei giorni di mercoledì, sabato e domenica.

Il termine di iscrizione delle squadre alla caccia al cinghiale è fissato al 15 settembre 2022. E’ consentito l’abbattimento occasionale dei cinghiali in forma individuale, senza l’ausilio di cani da cinghiale, esclusivamente al di fuori dei Distretti di Gestione. Il Comitato Direttivo di ciascun Ambito Territoriale di Caccia, entro il 30 settembre 2022 trasmette il proprio provvedimento di recepimento della Direttiva regionale all’Ufficio competente della Direzione Generale per le Politiche Agricole, Alimentari e Forestali.

Inoltre per la Caccia di selezione al cinghiale (Sus Scrofa) il prelievo di selezione alla specie cinghiale è consentito in attuazione di uno specifico piano di abbattimento selettivo, redatto dalla Regione previo parere favorevole dell’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale.

La stagione venatoria per la specie colombaccio (Columba palumbus) ha inizio il 1 ottobre 2022 e termina il 9 febbraio 2023. Esclusivamente nelle giornate del 1, 3, 4, 7, 10, 11, 14, 17 settembre 2022 ai soli cacciatori residenti e domiciliati in Basilicata, unicamente da appostamento temporaneo, è consentito il prelievo per le specie: gazza (Pica pica), cornacchia grigia (Corvus corone cornix) e ghiandaia (Garrulus glanadarius). E’ consentito il prelievo giornaliero per massimo 5 capi della specie tortora (Streptopelia turtur), esclusivamente nelle giornate del 1, 4 e 10 settembre 2022 ai soli cacciatori residenti e domiciliati in Basilicata, mediante l’appostamento temporaneo e limitatamente agli ambienti con presenza di stoppie, negli incolti lungo i corsi d’acqua, lungo i canali alberati e all’esterno di aree boscate. Ai cacciatori non residenti e non domiciliati in Basilicata, l’accesso agli AA.TT.CC. è consentito dal 1° ottobre 2022 al 29 gennaio 2023 limitatamente al prelievo venatorio delle specie migratorie.

A partire dalla prossima settimana avverrà la distribuzione dei tesserini ai Comuni che provvederanno alla consegna ai cacciatori. Dall’analisi dei dati dei tesserini rilasciati negli ultimi anni, ai cacciatori residenti in Regione Basilicata e dei permessi rilasciati dagli AATTCC ai cacciatori extra-regionali, risulta che il numero dei cacciatori è diminuito di almeno il 25% in Basilicata.

Covid19 Basilicata: 551 nuovi positivi

in Cronaca

Sono 551 i positivi emersi in Basilicata nella giornata di ieri, dopo l’esame di 2.222 tamponi (molecolari e antigenici): lo ha reso noto la task force regionale sulla pandemia, aggiungendo che sono state registrate anche 814 guarigioni. Negli ospedali lucani sono ricoverate 86 persone (una in meno di ieri), delle quali tre in terapia intensiva, una al San Carlo di Potenza e due al Madonna delle Grazie di Matera. I lucani attualmente positivi sono 13.441. Il bilancio delle vittime della pandemia è di 935 (ieri non è stato segnalato alcun decesso), mentre finora sono state registrate 152.967 guarigioni [ansa]

Unibas: molti studenti costretti a conseguire i 24 cfu altrove

in Cronaca

UNIBAS, molti studenti costretti a conseguire altrove i 24 CFU per insegnare. L’insegnamento per i lucani si fa così più tortuoso

La strada verso l’insegnamento, per studenti e studentesse lucani, si fa sempre più tortuosa. Non sarà possibile per loro conseguire i 24 CFU nell’Università degli Studi della Basilicata entro il 31 ottobre 2022, come previsto dalla legge.

Negli ultimi mesi si è concretizzata una riforma di cui si vociferava da tempo, relativa al percorso di formazione per futuri insegnanti. Dalla fine di giugno è infatti in vigore una nuova legge che sostituisce la vecchia impalcatura dei 24 CFU, necessari per poter accedere al concorso pubblico nazionale, con 60 CFU.

Questi crediti rappresentano un requisito indispensabile sia per inserirsi nelle graduatorie provinciali, sia per partecipare ai concorsi docenti.

Il cambiamento al rialzo ha creato non pochi problemi a numerosi giovani prossimi alla laurea o appena laureati, i quali rischiano di vedere ulteriormente dilatati i tempi di ingresso nel mondo della scuola. La nuova normativa tuttavia consente, agli studenti che riusciranno a conseguire 24 CFU entro il 31 ottobre 2022, di poter partecipare ai prossimi concorsi fino alla fine del 2024 senza dover acquisire gli altri 36 CFU previsti. Le Università che avevano già predisposto la macchina amministrativa per l’erogazione del percorso 24 CFU prima della nuova legge adesso sono pronte, per evitare che molti loro studenti si trovino in difficoltà. Non si può dire lo stesso dell’Università degli Studi della Basilicata, la quale non è riuscita a rispondere a quest’esigenza impellente di numerosi suoi allievi.

Il Consiglio degli Studenti, massimo organo di rappresentanza studentesca dell’ateneo lucano, a partire da marzo 2022 ha sollecitato l’università a mettere in atto tutte le azioni necessarie all’erogazione del percorso, consapevole della riforma imminente e del fatto che già in passato l’amministrazione era riuscita a garantire questo servizio importante. Soltanto nelle scorse settimane l’Università ha fornito delle risposte concrete e, nonostante l’impegno di alcuni interlocutori nell’amministrazione, motivazioni di insufficienza di personale tecnico-amministrativo e di risorse economiche, di tempistiche ristrette e di ben altre priorità sono state alla base di un altro risultato mancato, che ora costringerà gli studenti interessati a dover conseguire frettolosamente e in maniera onerosa i crediti necessari al loro percorso presso altre università o enti di formazione.

La rappresentanza studentesca UniBas è da sempre vicina all’ateneo, da sempre pronta a collaborare nei momenti di difficoltà con grande senso di responsabilità. Gli studenti però hanno bisogno di non veder svanire nella carenza di numerosi servizi dei pezzi importanti del loro futuro, hanno bisogno di risposte pronte e all’altezza delle sfide che il mondo dell’università ha davanti. Senza servizi i giovani lucani e di altre regioni difficilmente sceglieranno l’Università della Basilicata come luogo dove costruire il proprio avvenire ma continueranno a prediligere altre mete, saranno persi. Interi corsi di laurea si propongono come sbocco lavorativo principale quello dell’insegnamento, altri trasversalmente sono coinvolti; non si può venir meno a questo proposito o si tradirebbero gli slogan che l’ateneo ha sempre fatto suoi, ad esempio l’essere a misura di studente. L’UniBas deve accorgersi che le sue priorità non possono prescindere da quelle degli studenti.

 

Il Consiglio degli Studenti

Sindaci della Provincia di Matera: insieme per migliorare la sanità

in Cronaca

Sindaci della Provincia di Matera: insieme per migliorare la sanità. Tra gli interventi previsti, vi era proprio il potenziamento dei presidi ospedalieri con l’ampliamento delle terapie intensive e subintensive

Si è tenuta la quarta conferenza dei Sindaci della Provincia di Matera, convocata dal Sindaco Bennardi, nella giornata di oggi 29 luglio 2022, con la presenza dell’assessore regionale alla Sanità e del DG ASM dott.ssa Pulvirenti. Presente anche il Presidente della Provincia Marrese e il Presidente ANCI Basilicata Bernardo. Tutti i Sindaci della provincia, tra questi anche sindaci-medici, hanno espresso le loro considerazioni, trasmettendo le principali criticità territoriali, il verbale costituirà un fondamentale documento e punto di riferimento a disposizione della politica regionale. L’assessore regionale e il Direttore Pulvirenti si sono resi disponibili a recepire le analisi dei Sindaci e provvedere a migliorare insieme in modo costruttivo sia in termini di efficacia sia in termini di efficienza la macchina sanitaria regionale e provinciale in particolare, pur con insormontabili carenze come la difficoltà di reperire personale medico sanitario a livello nazionale e regionale.
In merito alla situazione dell’Ospedale delle Grazie, – sottolinea il Sindaco Bennardi – ho personalmente sottoposto la questione delle liste d’attesa e del Pronto Soccorso, a proposito del quale ho chiesto novità sulla delibera approvata nel febbraio scorso, (DGR. n.71/2022) che prevede progetti di potenziamento della rete delle strutture sanitarie per un totale di circa 15 milioni di euro. Tra gli interventi previsti, vi era proprio il potenziamento dei presidi ospedalieri con l’ampliamento delle terapie intensive e subintensive, ma anche l’adeguamento del pronto soccorso del Madonna delle Grazie di Matera
Tante le questioni ancora da migliorare, ma i Sindaci sono a disposizione e continueranno a chiedere risultati. E’ proprio con questo spirito che ho proposto in qualità di Sindaco capoluogo di strutturare la conferenza dei Sindaci in modo cadenzato e programmato, per affrontare questo periodo di debolezza del sistema sanitario, fino a quando non riuscirà ad andare a regime. Abbiamo anche ricordato a più riprese il lavoro fatto nel documento firmato da tutti i Sindaci, il Patto dei Sindaci sulla sanità, auspicando che possa essere preso in considerazione nelle linee generali e politiche a livello di riforma regionale. Il verbale della conferenza sarà disponibile nei prossimi giorni.

Incendi: a Pisticci atteso l’arrivo dei Canadair

in Cronaca

In provincia di Matera – dove si registrano temperature vicine ai 40 gradi – è un’altra mattinata di intenso lavoro per i Vigili del fuoco, impegnati su diversi roghi, alcuni dei quali in corso da molte ore.
La situazione più difficile è stata segnalata a Pisticci, dove è atteso l’arrivo di Canadair o altri mezzi aerei.
Al lavoro numerose squadre di Vigili del fuoco del Comando provinciale di Matera, a cui nelle scorse ore si sono aggiunti rinforzi anche da quello di Potenza [ansa]

 

foto da pixabay

Proroga scadenza Avviso Pubblico “Liberi dall’amianto”

in Cronaca

Proroga scadenza Avviso Pubblico “Liberi dall’amianto”. Un aiuto concreto ai privati cittadini per la rimozione e lo smaltimento di piccole quantità di manufatti/materiali contenenti amianto 

La Giunta Regionale con l’Avviso Pubblico “LIBERI DALL’AMIANTO” – spiega l’assessore all’Ambiente, Cosimo Latronico – ha concesso un aiuto concreto ai privati cittadini per la rimozione e lo smaltimento di piccole quantità di manufatti/materiali contenenti amianto presenti negli edifici civili e artigianali e nelle aree di loro proprietà.

Tutti i cittadini che hanno partecipato al programma di finanziamento “Liberi dall’Amianto” hanno ricevuto una comunicazione a mezzo PEC in cui si richiede documentazione integrativa.

In questi giorni – aggiunge Latronico –  i cittadini interessati avrebbero dovuto riscontrare tale richiesta seguendo le istruzioni ricevute a mezzo Posta Elettronica Certificata, comunicate dal competente Ufficio della Direzione Generale dell’Ambiente, del Territorio e dell’Energia.

Le difficoltà dovute all’alto numero di richieste di chiarimenti pervenute avrebbero potuto comportare un ritardo nella trasmissione di quanto richiesto a mezzo PEC, con rischio della perdita del contributo.

La Direzione Generale dell’Ambiente, del Territorio e dell’Energia ha, perciò, ritenuto di assicurare un maggior supporto ai beneficiari in concomitanza della scadenza del termine inizialmente previsto per le ore 23,59 del 21 luglio 2022, prorogando tale scadenza fino al 31 agosto 2022, in modo da consentire ai cittadini che non abbiano ancora potuto ottemperare alla richiesta di provvedere, evitando la decadenza dell’istanza”.

Assistenza domiciliare per bambino di 6 mesi

in Cronaca

Assistenza domiciliare per bambino di 6 mesi. ASM: “Grazie all’impegno profuso da tutto lo staff dell’UOC di “Pediatria e Neonatologia” dell’Ospedale Madonna delle Grazie di Matera”

 

Dopo giornate trascorse in ospedale, fra ricoveri per la riacutizzazione della patologia e Day Hospital dedicati alle infusioni quotidiane di farmaci, finalmente la vita di un bimbo di soli 6 mesi è cambiata grazie all’attivazione dell’assistenza domiciliare.
Essere un medico, trovarsi ad avere la vita di un paziente nelle proprie mani, e raccogliere la fiducia di chi soffre e spera in un cambiamento è una vera e propria missione.
Da pochi giorni, grazie all’impegno profuso da tutto lo staff dell’UOC di “Pediatria e Neonatologia” dell’Ospedale Madonna delle Grazie di Matera e dall’UOSD “Cure Domiciliari e Palliative” dell’ASM, il bimbo potrà continuare le sue terapie a casa.
Questo è il primo caso di Assistenza Domiciliare registrato fra Basilicata e Puglia, di un bimbo così piccolo di età.

Appalti per 20 milioni: 3 indagati ai domiciliari

in Cronaca

Appalti per 20 milioni: 3 indagati ai domiciliari. L’operazione è stata denominata “Allattamento”, in riferimento “all”allattamento’ di una serie di esponenti politici

 

Tre persone – tra le quali l’ex dirigente dell’Ufficio opere pubbliche del Comune di Matera – sono ai domiciliari nell’ambito di un’indagine su appalti per 20 milioni di euro condotta dalla Guardia di Finanza e coordinata dalla Procura della Repubblica della Città dei Sassi.

Ai domiciliari si trovano anche un dirigente della Provincia e un libero professionista materano, al centro – secondo l’accusa – delle “plurime anomalie delle procedure attuate nell’affidamento di incarichi e nella predisposizione di una serie di atti propedeutici alle successive gare di appalto di rilevanti opere pubbliche”.

Il gip di Matera ha inoltre disposto la misura interdittiva della sospensione dell’esercizio di pubblico ufficio per 12 mesi per tre dipendenti dell’Ufficio opere pubbliche del Comune di Matera e disposto il sequestro preventivo di circa 290 mila euro “considerati – è sottolineato in un comunicato diffuso dalle Fiamme Gialle – il profitto/prezzo dei reati ipotizzati”. In totale le persone indagate sono 90.
L’operazione è stata denominata “Allattamento”, in riferimento “all”allattamento’ di una serie di esponenti politici in carica nel Comune di Matera al fine di comprare il loro consenso, in Consiglio comunale ed in Commissione, affinché – è spiegato nella nota diffusa stamani – fossero approvate le progettualità, mediante l’affidamento o la promessa di incarichi pubblici a soggetti segnalati dai consiglieri stessi” [ansa]

 

Foto archivio, non si riferisce al fatto descritto nell’articolo

Dino De Angelis presenta “La sindrome dell’iguana”

in Cronaca

Dino De Angelis presenta “La sindrome dell’iguana”. Appuntamento a Matera il prossimo 18 luglio alle 19:00

Il romanzo di Dino De Angelis “La sindrome dell’iguana” (Edigrafema Edizioni) verrà presentato a Matera lunedì 18 luglio, alle ore 19.00, presso la Libreria Mondadori, in piazza Vittorio Veneto. Nel corso dell’evento, coordinato da Teresa Lettieri, oltre all’autore interverranno l’editrice di Edigrafema Antonella Santarcangelo e il referente dell’Associazione di promozione sociale ‘L’ultima Luna’ Bruno Laurita. L’opera di De Angelis affronta il tema della disabilità. La narrazione si muove attorno a Giacomo, giovane appassionato d’arte e innamorato della vita, costretto a fare i conti con ombre inattese a cui opporsi con strenua resistenza e che stravolgono il suo cammino obbligandolo ad accettare un nuovo sé, una dimensione che non poteva in alcun modo programmare. Oltre ai colori delle sue tele, ad accompagnarlo in un percorso di cadute e rinascita, di catarsi, ci saranno Catrina e Giovanni.

Progetto Lead: transnational meeting a Policoro

in Cronaca

Nell’ambito del progetto europeo LEAD: Specific LEArning No More Disorders/ ERASMUS + , l’IC2 “Giovanni Paolo II” avrà il piacere di ospitare i propri partners europei a Policoro.

Ci sarà un TRANSNATIONAL MEETING & SUMMER TRAINING CAMP che si terrà nel nostro istituto nei giorni 18/19/20 luglio per confrontarci sui risultati raggiunti con i PILOT TEST dai ragazzi con DSA e per fissare definitivamente le strategie più efficaci a favore di questi studenti, successivamente accessibili nella PIATTAFORMA prevista da progetto, dove chiunque e soprattutto famiglie e docenti potranno usufruire di informazioni utili e concrete. In seguito, grazie al gruppo di lavoro, in cui l’ente di formazione professionale ENFOR(Italia) ne è capofila insieme a tutti gli altri partners ( Romania/Spagna/Belgio) , prevalentemente ricercatori universitari, esperti, funzionari, tra cui noi docenti dell’IC2 , questi studenti, nella fascia d’età tra i 9 e i 14 anni, potranno a fine percorso abilitarsi attraverso una CERTIFICAZIONE EUROPEA delle competenze.

La dirigente scolastica , la prof.ssa Maria Carmela Stigliano, ha favorito questo progetto transnazionale per far conoscere ai propri docenti le diverse realtà europee relativamente alle questioni legate all’apprendimento in determinate condizioni e  per dare ai ragazzi un’opportunità: conquistando una certificazione europea unica nel suo genere.

1 2 3 49
Torna su