Autore

Redazione - page 2

Redazione ha pubblicato 1948 articoli

Redazione

Stati generali del Mediterraneo: scelta la Basilicata

in Economia

Stati generali del Mediterraneo, Bardi: scelta Basilicata fatto importante. L’iniziativa si svolgerà a Viggiano, nell’area industriale, il 16, 17 e 18 giugno

“La scelta della Basilicata come luogo dove ospitare il primo focus nazionale degli Stati generali del Mediterraneo per la rigenerazione dei territori è un fatto di primaria importanza ma non è casuale. La Basilicata, dove c’è la più grande riserva di idrocarburi offshore dell’Europa occidentale, si sta avviando verso nuovi percorsi energetici, mettendo in campo modelli di sviluppo”. Lo ha detto il presidente della Regione Vito Bardi, aprendo la conferenza di presentazione degli Stati generali del Mediterraneo, organizzati dalla Camera Forense Ambientale, dall’Assoil School e da Remtech Expo. L’iniziativa, ricca di eventi, di incontro e di dibattiti, si svolgerà a Viggiano, nell’area industriale, il 16, 17 e 18 giugno. Si tratta del primo di una serie di appuntamenti altamente specializzati, finalizzati a creare una rete di confronto tra il mondo delle istituzioni, delle imprese e della ricerca, per creare nuove strade finalizzate al recupero e alla rigenerazione delle aree industriali.

Nel ricordare l’accordo sottoscritto con il premier Draghi insieme ai governatori di Piemonte Umbria Friuli e Puglia per la realizzazione di progetti bandiera del Pnrr verso la transizione energetica e l’emancipazione dalle fonti fossili, il presidente Bardi  ha evidenziato che “in Basilicata si sta dando il via a un nuovo corso che segnerà positivamente l’economia della regione, sempre più orientata su politiche di efficientamento energetico e sulla tutela ambientale. Azioni  – ha proseguito – che si ascrivono nella più complessiva programmazione in materia di transizione ecologica attraverso investimenti per la riduzione dell’impatto ambientale derivante da gas serra, mettendo in campo ulteriori incentivi per la costruzione di impianti per la produzione di energia alimentati da fotovoltaico, biomassa  e geotermia oltre alla realizzazione di elettrolizzatori per la produzione di idrogeno semplice. Tanti progetti che stiamo portando avanti al fine di far diventare la Basilicata un laboratorio di sperimentazione legata alle nuove tecnologie. Anche le misure di compensazione ambientale previste nell’ambito degli accordi con le compagnie petrolifere che ci apprestiamo a firmare saranno dirette alla salvaguardia dell’ambiente e allo sviluppo del territorio”.

Gli Stati generali del Mediterraneo per la rigenerazione dei territori puntano a disegnare un percorso verso un’effettiva transizione ecologica, favorendo lo sviluppo economico compatibile con la tutela dell’ambiente, la crescita dell’occupazione, la valorizzazione delle risorse e la riduzione del consumo del suolo. Dove rigenerare significa restituire il territorio alle comunità e aprire a nuove prospettive di sviluppo economico.

 “I temi energetici e ambientali – ha sottolineato l’assessore all’Ambiente ed Energia, Cosimo Latronico – sono al centro di una trasformazione rapidissima. La crisi energetica che sta vivendo il pianeta, in particolare l’Europa, ci costringe a stabilire modalità e scenari assolutamente imprevisti. Noi siamo la regione del fossile ma lavoriamo per superare il fossile. Nell’era della transizione ecologica la Basilicata ci vuole stare a pieno titolo, avendo essa stessa, già nelle linee della sua programmazione comunitaria 2021-27, posto gli obiettivi strategici che vanno proprio nella direzione di recuperare i siti industriali, nella mitigazione dei rischi correlati all’ambiente naturale, nell’eliminazione dell’amianto dal territorio regionale, nell’efficientamento energetico e nel risparmio energetico, nella determinazione dell’ammodernamento delle reti. Vogliamo lavorare per costruire percorsi che vadano in direzione dell’efficienza del risparmio energetico e, nello stesso tempo, verso nuove modalità di produzione dell’energia, prestando attenzione non solo al risparmio energetico ma anche alle emissioni e agli investimenti sulle fonti rinnovabili”.

All’incontro hanno preso parte la presidente della Camera Forense Ambientale, il Ida leone Assoil School Pasquale Criscuolo, il General Manager RemTech Expo Silvia Paparella, il presidente Ispra Stefano Laporta, il Commissario Unico di Governo alla Bonifica delle Discariche Abusive Giuseppe Vadalà.

Prodotti pesca e acquacoltura: approvato avviso pubblico

in Economia

Approvato avviso pubblico:  commercializzazione e trasformazione prodotti pesca e acquacoltura

Favorire la commercializzazione e la trasformazione dei prodotti delle pesca e dell’acquacoltura; promuovere la competitività delle aziende di settore; finanziare gli investimenti nei due processi nuovi o migliorati attraverso moderni sistemi di gestione e di organizzazione:  sono gli obiettivi principali del secondo Avviso pubblico approvato in Giunta Regionale  su proposta dell’Assessore per le Politiche Agricole, Forestali e Alimentari Francesco Cupparo,  per una spesa complessiva di 550 mila euro.

 La Regione – evidenzia l’assessore – nell’ambito del Programma Operativo regionale FEAMP 2014/2020, persegue lo sviluppo della trasformazione dei prodotti della pesca e dell’acquacoltura che si colloca tra gli obiettivi della strategia dell’Unione Europea per una crescita intelligente sostenibile ed inclusiva.

In particolare, la Misura 5.69 “Trasformazione dei prodotti della pesca e dell’acquacoltura” è in linea con l’Obiettivo Tematico 3 del Quadro Strategico Comune, volto a incentivare la competitività delle PMI che operano nel settore della pesca e dell’acquacoltura.

Nell’Avviso sono ritenuti  ammissibili gli interventi  che contribuiscono a risparmiare energia o a ridurre l’impatto sull’ambiente, incluso il trattamento dei rifiuti; che migliorano la sicurezza, l’igiene, la salute e le condizioni di lavoro; che sostengono la trasformazione delle catture di pesce commerciale che non possono essere destinate al consumo umano; che si riferiscono alla trasformazione dei sottoprodotti risultanti dalle attività di trasformazione principali; che si riferiscono alla trasformazione di prodotti dell’acquacoltura biologica (conformemente agli articoli 6 e 7 del regolamento (CE) n. 834/2007); che portano a prodotti nuovi o migliorati, a processi nuovi o migliorati o a sistemi di gestione e di organizzazione nuovi o migliorati.

Dopo il primo avviso che risale al 2018, considerato che il Programma termina improrogabilmente al 31.12.2023, è risultato urgente approvare il secondo Avviso pubblico relativo alla misura anche in considerazione del fatto che essendo interventi strutturali si deve dare la possibilità ai beneficiari di poter portare a termine gli interventi e rendicontare la spesa. I beneficiari, PMI del settore trasformazione e commercializzazione dei prodotti della pesca e dell’acquacoltura, potranno presentare i progetti nei successivi 60 giorni dalla data di pubblicazione del bando.

Foto archivio, non si riferisce al fatto descritto nell’articolo

Rotondella capitale europea dell’accoglienza per un giorno

in Appuntamenti

Rotondella capitale europea dell’accoglienza per un giorno: “ORA, parliamo di NOI ” un viaggio circolare, come le lancette dell’orologio che scandiscono il tempo, come le viuzze del centro storico  che mantengono vivi ricordi e tradizioni

Rotondella capitale europea dell’accoglienza per un giorno: questo l’evento che coinvolgerà una cinquantina di giovani provenienti da Lituania, Grecia, Bulgaria, Spagna, Portogallo e Ucraina tra food contest, invasioni digitali nel terzo borgo più bello d’Italia 2019 nonché un laboratorio della tradizione con le Nonne Chef. Il tutto nell’ambito delle attività “ORA, parliamo di NOI ” un viaggio circolare, come le lancette dell’orologio che scandiscono il tempo, come le viuzze del centro storico (stritt’l) che mantengono vivi ricordi e tradizioni – dichiarano gli operatori di Orto Sociale – I giovani futuro da custodire e valorizzare, gli anziani ricchezza del nostro presente con il bagaglio di esperienze e saperi tramandati oralmente, patrimonio culturale immateriale da salvaguardare.

Un percorso che si apre ai giovani europei grazie al Professore Antonio Fittipaldi, alla professoressa Rosanna Lapadula e alla collaborazione con il progetto Erasmus + “DIGITAL LITERACY IN 6 STEPS” dell’ITSET M. Capitolo di Tursi

(MT) i quali hanno proposto la visita dei giovani in erasmus in Basilicata all’amministrazione comunale di Rotondella “di quella curiosa collina” ammirata dai ragazzi europei osservando Rotondella percorrendo la sinnica verso Tursi. Le attività, sostenute dal GAL START2020, rientrano nel bando/operazione 19.2.B.2.1.A Progetti Sostenibili di Comunità Linea di Intervento 1 “Ultimo Miglio” – valorizzazione, promozione e fruizione del patrimonio agro-silvo ambientale, storico, culturale che ha visto il Comune di Rotondella primo classificato con la propria proposta “Rotondità culturali: la fine è il mio inizio” partecipando alla II finestra dell’avviso medesimo. Nell’ambito dell’evento saranno allestiti spazi informativi sull’educazione ambientale e alimentare in collaborazione con Confconsumatori Basilicata, Confartigianato Imprese Matera, CIA Agricoltori Italiani, EGRIB ente di gestione dei rifiuti e delle risorse idriche della Regione Basilicata. Un laboratorio della tradizione delle Nonne Chef sarà al centro di un Food Digital Contest, presente anche la celebrissima albicocca di Rotondella. Seguirà un’invasione digitale nel centro storico con la partecipazione del blog TuristaInBasilicata.it che selezionerà le 3 più belle immagini che il 16 giugno saranno accompagnate dall’hashtag #rotondella a supporto di un articolo dedicato all’evento. Previste infine letture “per la pace” nell’ambito di Rotondella “città che legge” e “centro per il libro e per la lettura”. Per l’amministrazione comunale, guidata dal Sindaco Gianluca Palazzo, l’evento rientra a
pieno titolo negli obiettivi medesimi dell’avviso “Ultimo Miglio” sia per la capacità di destagionalizzare e diversificare gli eventi culturali dopo il successo che il nostro territorio ha avuto dopo Matera 2019 ma anche per valorizzare il territorio di Rotondella, oltre i confini nazionali, coinvolgendo Paesi Europei e generazioni diverse. Favorire processi organizzativi e di rete – continua la nota – è quanto mai opportuno in questo momento storico coinvolto dalla guerra in Ucraina e dalle conseguenze economiche e sociali che sono continuamente in divenire.

Krikka Reggae: “Finché la musica suona” feat. Gioman & Killacat

in Cultura

Krikka Reggae: “Finché la musica suona” feat. Gioman & Killacat.Dopo “Virus” attesa per il nuovo singolo il prossimo 17 Giugno

Il secondo inedito tratto dal nuovo album della band lucana, in uscita per il prossimo autunno

 

Bernalda, 13 giugno 2022 – Dopo la buona accoglienza riservata al pezzo “Virus”, esce venerdì 17 giugno per Lukania Sound Digital il nuovo singolo di Krikka Reggae, “Finché la musica suona” feat. Gioman & Killacat: il secondo dei due brani che anticipano la pubblicazione del 6° disco, attesa in autunno. Nato in occasione di feste e dance hall, durante l’estate del 2001 sulle spiagge della costa jonica, il gruppo unisce il dialetto della terra lucana alla musica giamaicana e dà vita a un repertorio originale dalla marcata connotazione performativa.

“Finché la musica suona”, il singolo in uscita nei principali store digitali, ha tutte le carte in regola per diventare uno tra i tormentoni di quest’estate: una hit reggae dance hall, con influenze mombahton e dalle vibe frizzanti, che incoraggia ad abbandonare le negatività e a farsi travolgere dalla vita. Il videoclip diretto dal regista Giuseppe Marco Albano (David di Donatello) sarà disponibile dal 21 giugno su Youtube.

Credits brano – Finché la musica suona (Tataranno/Cammisa/g.Morelli/M.Morelli/Di Biase/Magliocca)

Testo: Manuel Brando, Big Simon, Gioman & Killacat

Prodotto da Krikka reggae

Mix & Mastering al Ohmguru Studio di Bologna da Ricky Ohmguru Rinaldi

Recording al Krikka reggae studio nelle Officine Culturali Al Verde Bernalda (MT)

Edizioni: LSD Label

Grafica di Sabbì

Foto di Paolo Denovi

I Krikka reggae sono:

Manuel Brando Tataranno – voce

Big Simon Cammisa – voce

Frank The commendator Magliocca – batteria

Ivano Tarallo Grieco – tastiere, synth & programming

Enzo The Sceriff Russo – basso

Matteo Wise Koala Di Biase – chitarra

Covid19 Basilicata: 154 nuovi positivi. Processati 817 tamponi

in Emergenza Covid-19

Sono 154 i positivi in Basilicata sulla base dei dati rilevati nella giornata di ieri (10 Giugno 2022). Processati 817 tamponi (molecolari e antigenici). Sono state registrate altre 246 guarigioni. Negli ospedali lucani sono ricoverate 38 persone (come ieri), delle quali solo una in terapia intensiva, al Madonna delle Grazie di Matera. I lucani attualmente positivi sono 14.111.

A livello nazionale sono 22.104 i casi Covid19,  60 i morti. Tasso di positività all’11,8%. Calo per le terapie intensive e ricoveri ordinari. Sono 22.104 i nuovi contagi da Covid registrati nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute. Ieri erano stati 21.554. Le vittime sono invece 60, rispetto a ieri tre in meno. Sono stati eseguiti in tutto, tra antigenici e molecolari, 187.234 tamponi con il tasso di positività all’11,81%, in calo rispetto al 12,67% di ieri. Sono 193 i pazienti ricoverati in terapia intensiva, tre in meno di ieri. Gli ingressi giornalieri sono 22. I ricoverati nei reparti ordinari sono 4.076, ovvero 86 in meno di ieri.

 

In Basilicata: report dati tamponi processati in data 10 giugno 2022

Totale test di giornata n. 817
TOTALE TEST POSITIVI DI GIORNATA N. 154
Totale test negativi di giornata n. 663
Tamponi molecolari di giornata n. 261
TAMPONI MOLECOLARI POSITIVI TOTALI N. 17
Tamponi molecolari negativi n. 244
Test antigenici rapidi di giornata n. 556
TEST ANTIGENICI RAPIDI POSITIVI DI GIORNATA N. 137
Test antigenici rapidi negativi n. 419
Tamponi molecolari totali eseguiti inizio epidemia n. 668.323
Test antigenici rapidi totali eseguiti inizio epidemia n. 399.557

RICOVERATI REPARTI DEGENTI COVID-19 N. 38
A.O.R. San Carlo Potenza
Malattie Infettive n. 11
Pneumologia n. 0
Medicina Interna COVID n. 9
Medicina d’Urgenza n. 0
Terapia Intensiva n. 0
A.S.M. P.O. Madonna delle Grazie – Matera
Malattie Infettive n. 17
Pneumologia n. 0
Medicina Interna COVID n. 0
Terapia Intensiva n. 1
GUARITI TOTALI DI GIORNATA N. 246
DECESSI ODIERNI TOTALI N. 0

Si rinnova il rito della transumanza lucana

in Cultura

Si rinnova il rito della transumanza lucana. Un cammino di oltre 50 chilometri da percorrere in tre giorni. Esperienza unica in Italia

Inizia oggi la transumanza estiva di podoliche dalle colline di Oppido Lucano (PZ) fino alle montagne appenniniche di Schiena Rasa a Tito (PZ), un cammino di oltre 50 chilometri da percorrere in tre giorni. Esperienza unica in Italia: questa, infatti, è il primo esempio di “transumanza partecipata” di lunga percorrenza, in quanto aperta ai turisti e a tutti coloro che vogliano seguire e condividere delle tratte del percorso. Un evento che viene riproposto dopo l’ultima esperienza di transumanza di rientro invernale, la quale ha attirato turisti e viaggiatori da ogni parte d’Italia.

L’iniziativa è promossa dalla Masseria Santorsa di Tolve (PZ), la quale si avvale della collaborazione dell’Associazione Fuorisentiero al fine di divulgare l’antica tradizione della transumanza, incentivando così forme di turismo sostenibile e consapevole. Il percorso si sviluppa lungo antichi tratturi e tratturelli già segnalati dalla Soprintendenza dei Beni archeologici e culturali, a dimostrazione della fedele conservazione di questa usanza tramandata da generazioni. Inoltre, certamente singolare, è l’attraversamento anche di zone urbane: infatti, per circa 8 chilometri, la mandria calpesterà alcune delle principali strade della Città di Potenza, unico capoluogo in Italia ad avere tale privilegio.

Il punto di arrivo è sul Monte Cerchiara nei pressi del Rifugio la Casermetta, nel cuore del Parco Nazionale dell’Appennino Lucano, un rifugio che negli anni è stato il punto di contatto tra Fuorisentiero, gestore della struttura, e Gerardo Santorsa, conduttore dell’omonima masseria.

Questa transumanza è una delle pochissime migrazioni di lunga percorrenza rimaste in Basilicata che, come da antica tradizione –narrata già nel I sec. a.C. in Lucania, spostavano le greggi e gli armenti dalle piane sul confine pugliese verso le alture dell’appennino lucano in estate, per poi ritornare nel periodo autunnale lungo gli storici tratturi utilizzati da allevatori e contadini, molti dei quali purtroppo in disuso e riaperti proprio dai vaccari. Un rito che, dal 2019, è entrato anche nella lista UNESCO quale patrimonio immateriale dell’umanità.

Il rito è, dunque, aperto a tutti, sia a coloro che vogliano vivere l’esperienza completa di questa migrazione, sia a chi voglia semplicemente osservare sul ciglio della strada questa insolita “sfilata rurale”.

Agevolazioni prima casa pubblicato sul Bur il Regolamento

in Politica

Agevolazioni prima casa, pubblicato il regolamento sul Bollettino Ufficiale della Regione Basilicata n.24 del 9 giugno. Supporto in particolare alle giovani coppie, ai nuclei familiari monogenitoriali con figli minori, ai nuclei familiari con almeno tre figli e alle gestanti sole

Sul Bollettino Ufficiale della Regione Basilicata n.24 del 9 giugno è stato pubblicato il Regolamento recante “Disposizioni di esecuzione ed attuazione della legge regionale 17 settembre 2020, n. 31 (Misure di sostegno per l’acquisto e la ristrutturazione della prima casa di proprietà).

“Con questa iniziativa – ha commentato l’assessore alle Infrastrutture Donatella Merra – abbiamo inteso venire incontro a quelle categorie sociali che necessitano di supporto per accedere all’acquisto di un bene fondamentale come quello della prima casa, in particolare alle giovani coppie, ai nuclei familiari monogenitoriali con figli minori, ai nuclei familiari con almeno tre figli e alle gestanti sole. Le agevolazioni sulla casa sono di grande incoraggiamento per queste persone, soprattutto perché intervengono in una fase della vita in cui si creano le premesse per la propria indipendenza o si necessita di maggiore stabilità, dovendo già fronteggiare situazioni particolari, tanto economiche che sociali. Il Regolamento– ha proseguito – definisce le caratteristiche degli alloggi, oggetto delle misure di sostegno, che potranno essere acquistati o ristrutturati dai beneficiari, i soggetti destinatari della misura, le modalità di presentazione delle domande di accesso al Fondo e di concessione delle agevolazioni nonché la tipologia delle agevolazioni concedibili”. Le agevolazioni sono di due tipologie: garanzia, a prima richiesta, nella misura dell’ottanta percento della quota capitale per i mutui ipotecari di ammontare non superiore a 200 mila euro oppure un contributo per l’abbattimento del tasso di interesse dei mutui ipotecari di importo pari o inferiore a euro 150 mila,, entrambe per l’acquisto o la ristrutturazione di unità immobiliari da adibire ad abitazione principale. “La gestione del Fondo – ha concluso l’assessore Merra – sarà affidata dalla Regione a Sviluppo Basilicata che curerà tutte le fasi operative, dall’esame delle istanze trasmesse dai soggetti finanziatori, alla concessione delle garanzie a favore dei soggetti finanziatori e nell’interesse del mutuatario, dalla determinazione dell’importo del contributo all’erogazione dello stesso ai mutuatari. Sviluppo Basilicata provvederà, inoltre, a promuovere e pubblicizzare lo stesso Fondo tra tutti gli interessati all’iniziativa”.

A Nova Siri Marina la testimonianza di Claudia Koll

in Appuntamenti

A Nova Siri Marina la testimonianza di Claudia Koll. Appuntamento nella nuova chiesa, alle 21:oo

“Chiesa nuova, nuovo inizio”. E’ il titolo dell’incontro in programma per venerdì 10 giugno, alle ore 21 presso la Chiesa Sant’Antonio di Padova a Marina di Nova Siri, che avrà come momento centrale la testimonianza dell’attrice Claudia Koll.

La nota attrice romana racconterà la propria esperienza di conversione e di rinascita in un intervento dal titolo “La mia nuova vita”.

E’ nota infatti la sua conversione cristiana che l’ha portata a riconsiderare la propria precedente carriera di attrice e altri aspetti della vita pubblica e privata. Il percorso, come ha raccontato in un’intervista al Messaggero, sarebbe cominciato durante il Giubileo del 2000, quando accompagnò una sua amica a San Pietro per passare la Porta Santa.

L’iniziativa è proposta, non casualmente, in prossimità del giorno di dedicazione della nuova Chiesa, avvenuta il 12 giugno 2020. L’incontro, come suggerisce anche il titolo, vuole essere un modo per comunicare il senso della novità che la Chiesa deve portare sempre più alla comunità, quello di una conversione autentica e di un rinnovamento interiore. L’incontro si inserisce in una serie di iniziative di testimonianza e cultura promosse dal parroco don Mario La Colla in collaborazione con il Consiglio pastorale parrocchiale.

Idrogeno: “Basilicata scelta dal Governo per progetto pilota”

in Politica

Idrogeno: “Basilicata scelta dal Governo per progetto pilota”. L’obiettivo della Basilicata è puntare ad essere la regione ‘Green Hub’ di Italia ma soprattutto a dare benefici concreti a tutti i lucani”.

 

“Siamo soddisfatti di poter annunciare formalmente che la Basilicata è tra le 5 Regioni scelte dal Governo per presentare i progetti bandiera per quanto riguarda le Hydrogen Valleys. Insieme agli altri colleghi presidenti di Regione, siamo stati ricevuti dal Presidente del Consiglio Mario Draghi, che ringrazio, per la firma dell’accordo e per iniziare un nuovo percorso di sostenibilità e diversificazione che sarà cruciale per il futuro della nostra Regione. Attraverso un progetto “Infrastrutturazione di rete, siti di stoccaggio e distribuzione di Idrogeno (H2) e Metano liquido (GNL) nelle principali aree industriali della Regione Basilicata”, e la realizzazione in Basilicata di un Centro di Alta Tecnologia Nazionale per la realizzazione di progetti di ricerca e trasferimento tecnologia sulla mobilità ad idrogeno, la Regione Basilicata si dimostra in prima linea nelle sfide del futuro. Siamo stati la Regione del petrolio, del gas, dell’eolico e ora vogliamo diventare la terra dell’idrogeno, anche in vista della transizione energetica e dell’emancipazione dalle fonti fossili. L’obiettivo della Basilicata è puntare ad essere la regione ‘Green Hub’ di Italia ma soprattutto a dare benefici concreti a tutti i lucani”. Lo afferma in una nota il Presidente della Regione Basilicata, Vito Bardi, a margine della cerimonia a Palazzo Chigi.

 

Il ministro Garavaglia in bici in Basilicata: ha fatto tappa a Craco e Pisticci

in Cronaca

Il Ministro del Turismo Massimo Garavaglia vive un’esperienza outdoor in bike tra Craco e Pisticci, il Teatro dei Calanchi diventa per l’occasione una “Stazione del Gusto”.

Anche il Ministro del Turismo Massimo Garavaglia oggi ha partecipato alla tappa da Craco a San Basilio, all’interno dell’evento dell’Oscar del Cicloturismo , attraversando in bike il paesaggio lunare dei calanchi. Il Ministro – partito in bici da Craco, con sosta a teatro calanchi per arrivare a San Basilio – ha dunque  mantenuto la promessa di scoprire la Basilicata in bici fatta alla Bit di Milano, durante la Presentazione dell’Oscar del Cicloturismo Una pedalata oggi con la partecipazione oltre al Ministro di 40 ciclisti d’eccezione, tra questi anche Giorgio Palmucci Presidente Enit – Agenzia Nazionale del Turismo, l’ideatrice dell’Oscar del Cicloturismo Ludovica Casellati, il conduttore di Linea Verde Peppone Calabrese e il giornalista sportivo Marino Bartoletti. Sosta presso il suggestivo Teatro dei Calanchi di Pisticci, dove Confartigianato Imprese Matera, CIA, Oprol e Slow Food Magna Grecia hanno organizzato un punto rinfresco e assaggi  con bibite e tanta frutta di stagione, protagonista l’albicocca di Rotondella che si sta preparando alla sua sagra giunta alla XXV edizione. La sosta è stata anche l’occasione per presentare il sito Turista in Basilicata, ideato da giovani blogger ed edito dall’associazione Orto Sociale. Uno strumento finalizzato a raccontare e promuovere le esperienze outdoor che si possono vivere in Basilicata attraverso un “diario di viaggio” della mascotte “Lupo Lucano” e alcune pagine tematiche. Una sezione è stata dedicata alle “Stazioni del Gusto”, iniziativa di Orto Sociale finalizzata a promuovere il ruolo delle aziende agricole quali presidi del territorio, della tradizione e della biodiversità agroalimentare. Le aziende agricole luoghi ospitali dove l’agricoltore diventa un “narratore” del territorio attraverso le produzioni tipiche, di cui la Basilicata è ricca. “L’Italia ha tutte le possibilità di raddoppiare il fatturato indotto dal cicloturismo, ora a oltre 5 mld di euro, e avvicinarsi al fatturato dei paesi europei – ha sottolineato il Ministro affascinato dall’accoglienza e dai luoghi suggestivi – Tutto è già pronto per ricevere i cicloturisti: abbiamo i percorsi, le strutture ricettive e le migliori attrazioni culturali e naturali. Ora si tratta di pianificare gli interventi e di organizzare l’offerta, mettendo insieme tutto ciò che può essere utile al cicloturista, italiano e straniero”. La pedalata si è conclusa presso il Castello di San Basilio di Pisticci, dove il Ministro ha incontrato una delegazione di Slow Food Magna Grecia per parlare delle potenzialità del territorio, ricevendo in dono la riproduzione di un reperto archeologico, artisticamente interpretato e realizzato dall’artista della ceramica Rosalia Violante.

App cicloturismo

Segui ilMet su Instagram

Torna su