Domenica, 03 Luglio 2022

INTERVENTI

INTERVENTI (1669)

Latest News

LA LETTERA. Cerchiamo di essere più vicini ai nostri giovani

Sabato, 19 Agosto 2017 17:19 Written by

E' difficile affrontare giornalisticamente un evento come quello dell'estremo sacrificio, ultimo rifugio per chi vive questa tragedia interna e tutta e solo sua. I sistemi informatici, i social che dovrebbero eliminare l'isolamento in realtà contribuiscono ad aumentarlo, anche le amicizie reali diventano virtuali.  Il nostro vivere quotidiano fatto sempre più da gesti ripetitivi, sempre uguali , noiosi e monotoni. Un futuro sempre più lontano da noi e quindi l'oblio dell'essere prevale , anche noi diventiamo una via di mezzo tra un ectoplasma e un ologramma, sembra che abbiamo perso la nostra identità umana. Quando prende corpo questa dimensione, si perde la cognizione del tempo e la conoscenza di noi stessi, i nostri limiti ci sommergono , ci soffocano tanto da farci desiderare l'annullamento. Un giovane, di una piccola comunità cittadina, a soli 19 anni ha deciso di togliersi la vita questo conta. Cerchiamo di essere più vicini ai nostri giovani perché stanno dimostrando una estrema fragilità, hanno bisogno di aiuto , di punti di riferimento dove confrontarsi impedendo così loro di isolarsi per cercare soluzioni che , soluzioni non sono. Loro sono il nostro futuro , non dimentichiamolo mai e  che questa scelta , venga definitivamente abbandonata da chi l'ha pensata come soluzione.

 

Giuliano Savi, professore e giornalista

La forza della Vita. Metaponto, il giorno dopo

Venerdì, 14 Luglio 2017 16:14 Written by

METAPONTO - C’era un silenzio assordante e quasi irreale, stamattina, in quella pineta. Sopra, un cielo terso. Tra rami e nuvole, con il naso in su, tutto procedeva nel migliore dei modi.

Scanzano Jonico, DeMarco su crisi idrica: "Inaccettabile e inammissibile"

Domenica, 09 Luglio 2017 14:02 Written by

E' preoccupante,ma aggiungo anche soprattutto inammissibile,che ad oggi (nei mesi e gg piu caldi dell'anno) nel territorio di Scanzano i campi sono a secco.Dopo la grave crisi del mercato ortofrutticolo ,che ha colpito aziende e agricoltori per quanto riguarda pesche e albicocche,dove dal produttore al consumatore la forbice del prezzo e' ampissima e dove in alcuni casi,i frutti sono rimasti addirittura sulle piante,invenduti,ora queste aziende dalla piu grande alla media-piccola deve fare i conti anche con questa crisi idrica.A Scanzano e in tutto il metapontino (zona trainante dell'economia Regionale) ci si prepara gia' alla nuova stagione delle fragole,alla preparazione e alla piantumazione di ortaggi,alla stagione dei kiwi e degli agrumi che,mai come in questo periodo dell'anno,hanno bisogno di essere irrigatiUn problema che in queste zone come Scanzano e ripeto,tutto il metapontino,non si dovrebbe mai verificare,specialmente se si legge su organi di stampa e comunicati,che gli invasi lucani sono pieni e che "non ci saranno problemi"; e allora la questione oltre ad essere INAMMISSIBILE,e' altrettanto INACCETTABILE!!!Speriamo nei prossimi gg,di avere sia dalla Regione,sia dal Consorzio di Bonifica,una spiegazione e una risoluzione rapidissima a questo grave problema.

Silvio De Marco, consigliere comunale di maggioranza Scanzano

 

FELICE TAURO SI DIMETTE DA SEGRETARIO REGIONALE DEI GIOVANI DEMOCRATICI DI BASILICATA

Lunedì, 03 Luglio 2017 15:26 Written by

Credo che il tentativo generoso di riunire intorno a Pisapia l’alternativa di sinistra apre a scenari nuovi e va sostenuto senza tentennamenti o ambiguità

Popular News

Il presidente della Provincia di Matera e la giunta chiedono…
Il prossimo passo deve essere una nuova legge per la…
La questione ambientale rappresenta ancora una volta il tema di…
POLICORO - Siamo soddisfatti dei risultati ottenuti in questa prima…

Crisi agricola nel Metapontino, costituito il coordinamento dei sindaci

Giovedì, 29 Giugno 2017 18:49 Written by

Nell'incontro (durato due ore) sono state anche analizzate alcune delle più importanti urgenze dell'area cui, evidentemente, bisogna avere risposte immediate per evitare ulteriori danni al tessuto produttivo dell'agroalimentare lucano e metapontino già fortemente compromesso. Fra tutte l'emergenza della questione idrica per cui è stata sottolineata la necessità di avere assoluta trasparenza su quanto sta accadendo per cui la riunione ha deciso di chiedere a nome del Coordinamento dei Sindaci del Metapontino contro la crisi agricola un incontro urgente per capire cosa e come il Presidente della Regione (che ha garantito il suo personale impegno) intende intervenire per assicurare la disponibilità di acqua ai nostri produttori.

Amministrative Policoro 2017: il Glossario semiserio

Mercoledì, 28 Giugno 2017 19:02 Written by

La ricordiamo così la "campagna elettorale di Policoro" appena conclusa. Il nuovo sindaco è Enrico Mascia. Il "Glossario semiserio" vede per questa volta la partecipazione del cantautore Giuliano Petrigliano che ha gentilmente risposto all'invito di offrire la sua creatività per la realizzazione di questo pezzo che - si spera - strapperà un sorriso e anche qualche piccola "incazzatura". Buona lettura. 

Il dramma della sussistenza, il precariato della solidarietà

Mercoledì, 21 Giugno 2017 09:27 Written by

40, 10, 1. È cronaca, sono voci, sono numeri. ‘Per uno che ne ospiti, ne arrivano altri 4’, si lamenta la gente. ‘Uno’, prima di tutto un essere umano. ‘Uno’, un essere umano come te, ma meno fortunato. ‘Uno’ che ad un certo punto della sua vita ha venduto la sua vita per due spiccioli. Uno, fuggito dalla guerra, fuggito dalla fame. Fuggito con quattro soldi per quattro soldi.

Zapping: Policoro show in piazza Eraclea

Lunedì, 29 Maggio 2017 05:25 Written by

Tre ore di comizio a Policoro sono paragonabili a quella sera che passi a casa davanti al TV lcd con il telecomando che per una serie di variabili fisiche finisce prima sotto la tua schiena e poi... va be' ci siam capiti.

MASCIA Il (primo): classica cerimonia di Stato: inno, Vespa e  Marzullo.

SCARCIA - LEONE Poi, quando pensi che la situazione cambierà, arriva Mannaimer con slide, numeri ma ti accorgi di essere solo a Policoro quando senti: "Noi sappiamo dove andremo a parare", outsider degli idiomi italioti.

Poi il telecomando scivola, esplora luoghi imperscrutabili e quella leggera pressione ti sintonizza sul canale del peccato - per esempio Teleregione -  e così ti trovi Alvaro Vitali che dalla serratura ammira Edvige Fenech in tutta la sua immortale, delicata e spudorata bellezza:  è la TV spazzatura che - al netto di qualsiasi benpensante considerazione - piace a (quasi) tutti.

DI PIERRI E infine, la rivoluzione, quella vera. Perché il mondo cambia e cambiano anche le abitudini: due bambini perdono la mamma, salgono sul palco e rivolgono l'appello alla comunità "semiseriosamente" attonita: vogliamo tornare a casa! 

PS. se è passato "petaloso"  a me sarà concesso "semiseriosamente"