Lunedì, 24 Gennaio 2022

Latest News

Voleva fare il carabiniere, ma a 26 anni Fracesco Quinto ha scelto la pittura

Lunedì, 02 Gennaio 2017 14:04 Written by

“Da piccolo volevo fare il carabiniere, ma il disegno è sempre stato al primo posto. Libri e quaderni erano pieni di opere se così si possono definire "alla prima maniera". Così Francesco Quinto, 26 anni, di Montalbano Jonico, ha risposto. Sì, perché a 26 anni capita che non ti chiedono più cosa vuoi fare da grande, ma ti chiedono a cosa aspiravi da bambino. Cresciuto da parenti appassionati del mondo della musica, Francesco è l’unico in famiglia a vivere in quello della pittura. “Dipingo da quando avevo 12 anni”.
Per Picasso era la malinconia. Per alcuni è energia, quel colore della fiamma. Gli artisti lo amano da sempre. Nella vita di Francesco, il suo sguardo si pone sul colore universale, che è dell’estate e dell’autunno, di ogni volere umano. È intrinseco della vita dal quale non ci può separare. “Amo il blu perché sa di mare, cielo. Ispira libertà”. Il blu come quel qualcosa di inafferrabile. È l’infinito nel quale l’occhio si perde in quello spazio libero, senza confini. “La tematica che è quasi fissa nelle mie opere è quella paesaggistica. Ho dipinto vicoli, volti, ma i panorami sono il mio punto forte”.
Da dove nasce la tua passione per l'arte?

Nasce sicuramente insieme a me, da sempre la porto dentro questa passione. Arte, dunque, come innato talento, che lui riassume in tre parole: “Vita, libertà, magia”.
Si dice innamorato della tecnica impressionista, facendo di Claude Monet, il suo punto di riferimento. Un sì a quella scelta di rappresentare solo e soltanto la realtà sensibile. Un no alla costruzione ideale della realtà. Non è uno scrivere ciò che si sente della poesia, ma un dipingere ciò che si vede. Non si parla di sguardi, ma di occhi.

Cos'è per te l'arte? “Per me l'arte è un dono divino è un regalo che qualcuno da lassù concede. Sicuramente c'è l'espressione di qualcosa di nostalgico o di interiore che solo con i colori riesco a esprimere al di là del risultato finale”.
Un po’ come il poeta che scrive per colmare i vuoti al di là della comprensione. L’arte come vocazione, come blu è anche il colore del mantello della Vergine.  Fa suo il senso realistico dell’arte anche nella propria prospettiva di vita, in un’Italia in cui non si vive, né si sopravvive con l’arte. All'arte se fosse un hobby o un lavoro, Francesco, risponde “Vorrei vivere da artista, ma qui in Italia è un po’ difficile. Sto cercando di esporre e promuovere la mia arte fuori dai confini italiani”.

Cristina Longo

Il Lucania Film Festival avvia collaborazione con Università di Basilicata

Lunedì, 20 Febbraio 2017 11:34 Written by

Al via l’iter formativo per la giuria popolare

Tursi, Carnevale alla riscoperta delle tradizionali maschere "Carnuuer" e "Curemm"

Lunedì, 20 Febbraio 2017 10:49 Written by

 

Paese che vai carnevale che trovi. Fantasia e creatività per ironizzare e sorridere sono d’obbligo per questo periodo. Per chi dovesse trovarsi a Tursi, passeggiando in paese resterà piacevolmente sorpreso da strane coppie di fantocci sistemati davanti a bar e negozi, realizzati con abiti dismessi ed altri materiali sopravvissuti all’uso quotidiano ed abbandonati.

Olimpiadi di Filosofia, il prossimo 15 febbraio la gara regionale

Lunedì, 13 Febbraio 2017 23:00 Written by

Le Olimpiadi di Filosofia sono promosse dal MIUR in collaborazione con: la Società Filosofica Italiana; il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale (MAECI); gli Uffici Scolastici Regionali del MIUR; la Commissione Nazionale Italiana per l’UNESCO; la Fédération Internationale des Sociétés de Philosophie (FISP); il Dipartimento Scienze Umane e Sociali, Patrimonio Culturale del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR); Rai Cultura.

Popular News

Nasce la pagina Facebook "La Lucania alla corte del Blasco",…
Materaefiera e convegni è la sezione della fiera che darà…
PISTICCI - Sarà la musica, anche quest'anno, a mettere un…
PISTICCI - Vola in Polonia la più prestigiosa “Elle” del…

Radio Raptus Bernalda - Sogni, note e l'invenzione della radio... digitale

Domenica, 12 Febbraio 2017 14:22 Written by

Che vita sarebbe se avessimo tutte le risposte che cerchiamo? Che mondo sarebbe se avessimo già le risposte ancora prima di fare le domande? Un po’ come mettersi i cerotti prima di sfasciarsi, rovinosamente, le ginocchia ed  imbrattare “pollockianamente” casa di sangue. Ma vuoi mettere?

Una Giuria popolare e competente. Rocco Papaleo ed Alessandro Piva insegnano il cinema per il Lucania Film Festival

Lunedì, 06 Febbraio 2017 11:32 Written by

La Giuria Popolare del Lff 2017 assegnerà il Premio del Pubblico al miglior film per le sezioni internazionali “cortometraggi” e “lungometraggi” e potrà incontrare le guest star dell’evento

"Liberi e reclusi" di Salvatore Brusca, in tutte le librerie della Basilicata

Domenica, 05 Febbraio 2017 12:13 Written by

Un bel racconto, una novità editoriale edita da Mannarino, ambientato nel 1700, dalle prime battute si è catturati dai dialoghi, solo dopo qualche ora ci si distrae, quando il racconto è finito. 

L'INTERVISTA. Giuseppe Filidoro racconta la sua opera: "L'ultimo bagliore"

Martedì, 31 Gennaio 2017 14:25 Written by

"L'ultimo bagliore" (Ed. Osanna 2017) è il nuovo libro di Giuseppe Filidoro, Psicoanalista della Società Psicoanalitica Italiana e dell'International Psychoanalytical Association, Direttore Scientifico dell’Associazione Psicoterapeuti "La Recherche". Lucano di origine (di Lavello), dal ’71 ha sempre vissuto altrove; ora a Padova.