Lunedì, 04 Luglio 2022

LFF: le dimensioni sovrapposte del cinema fra opere in concorso, talk, incontri e ciclo tour

Dopo la cerimonia di apertura lavori che ha dato il via alle prime proiezioni in concorso, continua a scorrere la ricca pellicola del Lucania Film Festival sulle tracce delle produzioni provenienti da tutta Europa. I Blocchi C e D di cortometraggi in concorso nella sezione Fiction ed Animazione, infatti, rappresentano Francia, Regno Unito, Grecia, Georgia, Irlanda e Germania. L’Italia, invece, trova ampio spazio nei blocchi Next Future 1 e 2 che si completano con una produzione olandese.

Ma il cinema del LFF non è solo visione ed ascolto. Le opere saranno sviscerate negli approfondimenti di discussione nel Terrazzo Lucano della Casa della Cultura con il talk “I registi incontrano il pubblico”, un’occasione di confronto con i cineasti internazionali ed italiani presenti durante la quattro giorni dell’evento. A seguire, sempre sul Terrazzo Lucano (ore 19.00), la presentazione del Progetto P-Stories – Pisticci città narrante alla presenza di Carlo Infante di Urban Experience.

Lo spazio di discussione della kermesse di Allelammie si arricchisce, inoltre, con il primo intervento curato dal Direttore della Lucana Film Commission, Paride Leporace, che darà corpo alla partnership con il Lff nella Sala Piccola “Lucano”. Alle 21.30, infatti, è in programma il talk con Mariolina Venezia, cui farà seguito la proiezione di “Matera, memoria rimossa”, documentario della scrittrice lucana, uno spaccato sulla città di Matera che farà idealmente il paio con la proiezione di “Una città fra i paesi” di Vito Riviello, narrazione di una storia potentina.
Assume tutt’altra veste il talk con Giuseppe G. Stasi e Giancarlo Fontana, autori di numerosi video satirici per trasmissioni come Gli Sgommati (Sky Uno) e Un Due Tre Stella di Sabina Guzzanti (La7).

Il cinema del Festival abbraccerà una dimensione più diretta con il primo Cine Ciclo Tour nella città degli arcobaleni, un percorso in bici per una ciclopasseggiata nel centro storico sulle tracce dei maestri che hanno frequentato Pisticci per sopralluoghi, dimore temporanee, per servizi di supporto ai film come Rocco e i suoi fratelli e Cristo si è fermato ad Eboli. Un percorso integrato tra cenni storici, aneddoti, leggende e testimonianze, organizzato con il supporto di Panecotto, marchio del consorzio La Città Essenziale.
L’11 agosto è il giorno dell’inaugurazione della Sala Polare, nuovo spazio di proiezioni che valorizza ulteriormente il centro storico. A tenere a battesimo la terza location sotto le stelle sarà Elena. L’opera prima della brasiliana Petra Costa, accolta dai favori della critica internazionale, aprirà la sezione competitiva Lungometraggi. Anteprima assoluta per il sud Italia, Elena è una storia intima, delicata e biografica. Elena fugge dal Brasile a New York alla ricerca di un futuro migliore. Coronerà il suo sogno di incontrare Francis Ford Coppola, ma incontrerà il suo destino. Sulle sue tracce, la sorella maggiore Petra cucirà riflessioni sulla vita e la morte, sull’abbandono e sulla memoria a cavallo tra ricerca ed home movie. La regista Petra Costa interverrà in video conferenza al Lff.

Nella programmazione della Sala Polare entra anche la Sandart di Anna Maria Pagliei e Daniele Onorati. L’arte del disegno su sabbia, dopo i successi su Rai Yo Yo e La 7, torna in patria per regalare uno spettacolo incantevole e suggestivo.
Il Festival 2013 abbraccerà una dimensione geografica senza precedenti. Oltre alla Sala Polare, che dilata gli spazi della Terravecchia, rientra fra le nuove location dell’evento lo scorcio storico dell’Osannale, che nella sala Panetta ospiterà la mostra del giornalista Mimì Notarangelo “Il Vangelo secondo Matera”, una carrellata di foto scattate sul set de “Il Vangelo secondo Matteo” di Pierpaolo Pasolini, girato a Matera nel 1964. Il Lff torna nel Dirupo grazie alla collaborazione con Casa Elizia ed il Blues in Town di Policoro. Nel neo nato live club del centro storico saranno proiettati alcuni lavori del progetto The Blues a partire da From Mali to Mississipi di Martin Scorsese e The man of Soul di Blind WIllie Johnson.

Da quest’anno,inoltre, il programma del Festival ospita la rassegna “I Giovani del LFF” a cura di Giuseppe Sole e Giuseppe D’Armento. L’idea è nata per promuovere i prodotti audiovisivi creati da scuole e associazioni giovanili. Il primo appuntamento è alle 22.00 sul Terrazzo Lucano.
Prosegue, nei fuori concorso, la prestigiosa collaborazione con la Biennale Internazionale di arte multimediale WRO, il principale forum di arte attraverso i nuovi media in Polonia e uno dei più importanti eventi di arte contemporanea in Europa. Curato da Piotr Krajewski, è coordinata da Bartosz Konieczny, che realizza così l’intero programma di Art Video del Lff, la cui notte, nella seconda giornata di lavori, si chiuderà sulle note del Dj Set Fluchanka selecta.

Read 741 times Last modified on Giovedì, 07 Luglio 2016 10:11
Rate this item
(0 votes)