Domenica, 21 Luglio 2024

''Il tramonto dell'Euro'': il 22 maggio a Matera il prof. Bagnai presenta il suo libro

Albert Einstein sosteneva che nel momento in cui fossero scomparse tutte le api, la fine del mondo sarebbe stata imminente. Tesi che tutt’oggi molti scienziati condividono. A Matera allora si può ancora stare tranquilli, almeno per il momento. Un’ape infatti ancora c’è: è il comitato per l’Approfondimento Politico ed Economico (APE, appunto) che si è costituito nei mesi scorsi tra liberi cittadini con lo scopo di organizzare eventi culturali di tipo divulgativo sulle più importanti e attuali questioni politico-economiche.

Il primo si terrà il prossimo 22 maggio alle ore 17.30 nella sala consiliare della Provincia di Matera, con la presenza del prof. Alberto Bagnai che presenterà il suo ultimo lavoro “Il tramonto dell’euro” (Imprimatur Editore) pubblicato nell’ottobre del 2012. Bagnai è  professore associato di politica economica presso il Dipartimento di Economia dell'Università Gabriele d'Annunzio di Chieti-Pescara, dove tiene corsi di Politica Economica e di Economia e Politica della Globalizzazione; è ricercatore associato al Centre de Recherche en Economie Appliquée à la Mondialisation (CREAM) dell’Università di Rouen ed è autore di numerose pubblicazioni sulle più importanti riviste economiche nazionali ed internazionali.

“Il problema non è il debito pubblico - dice riguardo le cause dell’attuale crisi economico-finanziaria - ma il debito estero, e i paesi che mantengono la loro moneta possono cavarsela con la svalutazione. L’Unione monetaria attuale serve solo alla Germania, che impone bassi salari e disciplina economica. Finirà con l’uscita dell’Italia dall’euro”.

L’interessante teoria, da tempo ampiamente condivisa negli ambienti accademici internazionali, sarà sviscerata in tutti i suoi aspetti nel corso dell’incontro del 22 maggio aperto a tutti i cittadini, che al termine della presentazione potranno proporre domande al professore.

Read 724 times Last modified on Giovedì, 07 Luglio 2016 09:49
Rate this item
(0 votes)