Sabato, 22 Gennaio 2022

Avv. Bellizzi su Tares, il comune di Policoro acceleri

I cittadini saranno presto chiamati a pagare una nuova imposta ossia la Tares –Tassa per i rifiuti e i servizi. Come spesso accade in Italia, prima si annunciano nuovi salassi economici per poi dichiarare con maliziosa ambiguità lo slittamento della tassa. E’ quanto accaduto anche in merito alla Tares poiché il Governo prima nel dispone l’applicazione a partire dall’anno 2013 con quattro rate: gennaio, aprile, luglio e ottobre e poi ne annuncia lo slittamento a  luglio.

Sembrerebbe di poter così tirare un sospiro di sollievo ma l’inganno è dietro l’angolo. In effetti, se da una parte si prevede per il solo anno 2013 lo spostamento del pagamento a luglio, dall’'altra parte una recentissima circolare del Ministero dell’Economia e delle Finanze, datata 29 aprile 2013, chiarisce che se il Comune non interviene con una propria delibera a modificare la scadenza delle rate della Tares, il versamento delle rate di gennaio, aprile e luglio resta fissata a quest’ultima scadenza, mentre l’ultima scadrà ad ottobre. Pur volendo sorvolare sull’ambiguità delle disposizione della Tares, resta il dato di fatto che in assenza di delibera tutti i cittadini potrebbero rischiare di perdere il beneficio della rateizzazione.

Il Ministero delle Finanze ha chiarito anche che per l’'anno 2013 il numero delle rate e le scadenze di pagamento della Tares devono essere adottate dal Consiglio Comunale. E'’ quindi necessario muoversi e con sollecitudine al riguardo perché vi è l’obbligo di pubblicare il provvedimento almeno 30 giorni prima della rata di versamento, ma se il comune non interviene si corre il rischio di perdere la possibilità di configurare quattro rate di pagamento in quanto il termine per il versamento rimane fissato a luglio e a ottobre 2013, quindi due rate invece di quattro e in un periodo di forte crisi economica ciò potrebbe costituire un grosso problema per i cittadini. Ho già sollecitato verbalmente l’Ufficio Tributi di Policoro che deve però avere il vaglio sempre del Consiglio Comunale.

Inoltre, la Tares prevede oggi la possibilità di escludere da tassazione le aree scoperte quali pertinenze dell’immobile, mentre le aree scoperte operative restano ancora soggette al pagamento. La questione non è di poco conto se si considera che la Tares si determina considerando la superficie dell’immobile e delle aree scoperte. In passato con la Tarsu la previsione nel calcolo della tassa anche delle pertinenze comportava un aumento vertiginoso dell’imposta.

Oggi i comuni sono chiamati anche ad inserire con attenzione la modifica nel regolamento della nuova Tares escludendo dalla tassazione le aree scoperte non operative anche per evitare aumenti incontrollati e illegittimi dell'’imposta. In un periodo di profonda crisi economica di tutti i settori commerciali e produttivi è preciso dovere delle amministrazioni comunali dare puntuale e rigorosa applicazione della normativa nazionale. A tal fine l’Avv. Bellizzi ha inviato, in tal senso, una formale istanza al Comune di Policoro e unì'altra sarà inviata per chiedere un rapido intervento che possa scongiurare il rischio di perdita della rateizzazione. [Avv. Giovanna Bellizzi - Foto dal Web]

PUBBLICITA' - Farmacia La Guardia Scanzano i servizi: prenotazioni ecografia, O.P.T., Densitometria ossea computerizzata (MOC), radiologia tradizionale,

intolleranze alimentari; trattamenti antalgici e riparativi, prenotazione visite specialistiche (cardiologo, dermatologo, senologa, ortopedico, urologo,

medico estetico, ginecologa, nutrizionista, ecografista).

Disponibile consulto gratuito dieta Mességué. Per la caduta dei capelli disponibile metodo Trifoltina Tel. 0835 95 35 80

 

 

 

 

 

Read 2941 times Last modified on Giovedì, 07 Luglio 2016 09:49
Rate this item
(0 votes)