Lunedì, 04 Luglio 2022

Rosa (FdI): reddito ponte ennesimo fallimento di De Filippo e company

L’avevano definito un “progetto” scandinavo, ma dei paesi del nord si è avuto solo il “gelo” sui ragazzi che partecipano al Reddito Ponte. “Un ponte scalcagnato” che la stessa Regione Basilicata nelle costanti “buone intenzioni” di Viti vuole ripensare con un più ampio discorso delle politiche attive. Bella scoperta ma quando su iniziativa del sottoscritto il centrodestra in Regione Basilicata presentò una mozione che andava in quel senso, la maggioranza tra cui lo stesso Viti non si è degnata di discuterla. Ora arrivano le promesse primaverili che si avrà un piano pluriennale sul lavoro tra maggio e giugno.

A parte le reminiscenze di soviet e piani quinquennali, l’impressione è che al fallimento del Reddito Ponte il partito regione non sa cosa rispondere. Quando puntavamo il dito affermando che era un corsificio hanno risposto con supponenza che eravamo degli oppositori con preconcetti. Quando abbiamo denunciato che era uno strumento che faceva solo arricchire le società di formazione pubbliche e private non ci hanno neanche risposto.

Quando affermato che il reddito ponte non avrebbe procurato occupazione ci hanno dato dei dilettanti. Salvo poi ammettere dopo due anni che il “Reddito Ponte” non procurerà un solo posto di lavoro.

Il “De Filippo & C. spa” ha nuovamente fallito e purtroppo il vostro fallimento ha colpito le speranze di tanti bravi giovani, che hanno partecipato avendo l’umano desiderio di trovare un posto di lavoro. Eppure era stato detto, era stato proposto un “Patto per il Lavoro” che coinvolgesse soprattutto il mondo produttivo ed imprenditoriale, ma non siamo stati ascoltati anzi ignorati del tutto.

Ora attraverso le parole di Viti ammettono il fallimento, anzi un doppio fallimento il primo nell’ignorare la nostra proposta by partisan di discuterne in Consiglio Regionale sulle politiche del lavoro e poi decidere, il secondo che dopo slogan e formule vuote che definivano il “reddito ponte” un progetto avanzato, un sistema degno dai paesi scandinavi sono stati costretti a rimangiarsi le loro parole e le loro false promesse.

Vedremo cosa uscirà dal cilindro magico dell’oligarchia del centrosinistra lucano, ma sinceramente sarà partorito l’ennesimo progettino di assistenzialismo. La storia si ripete sempre in Basilicata ma sempre con gli stessi errori. Diversamente non può essere perchè la maggioranza non ha idee, non ha una visione strategica e sopratutto ha interesse che si mantenga assistenzialismo e stato di bisogno dei lucani per poter controllare ogni aspetto della loro vita.

Gianni Rosa
Fratelli d’Italia

Read 650 times Last modified on Giovedì, 07 Luglio 2016 09:22
Rate this item
(0 votes)