Lunedì, 04 Luglio 2022

Su Città della Pace Pdl critico: sindaco e Regione sapevano dei limiti del Patto di stabilità

Con riferimento all’articolo relativo al fermo dei lavori di costruzione della Città della Pace, apparso nei giorni scorsi sulla stampa, sentiamo il dovere di esprimere la nostra indignazione nei confronti delle giustificazioni addotte dal sindaco di Scanzano Salvatore Iacobellis.

Pubblicità. TENDENZE. Laboratorio tendaggi a Policoro via Monginevro (grattacieli)

Egli imputa il blocco dei lavori al patto di stabilità ed alla conseguente impossibilità di ricevere i fondi per il pagamento all’impresa da parte della Regione Basilicata. Bene, allora gli incapaci sono tanti. Il patto di stabilità esiste da anni per cui se la Regione Basilicata amministrata (male) dai compagni di partito del sindaco non riesce ad erogare i fondi è solo ed esclusivamente colpa di una cattiva gestione  amministrativa regionale e comunale. Ci si spiega meglio. La regione ed il comune sapevano e sanno perfettamente, da tanto tempo, dell’esistenza dei vincoli del patto di stabilità ma nonostante ciò hanno avviato tante di quelle opere da non riuscirne a completare una.

In altre parole, se la regione sa che in conseguenza dei vincoli del patto può spendere 100 in un anno, perché avvia cantieri che comportano una spesa di 500? E’ chiaro che poi le opere rimangano incompiute. Quanto, poi, alla realizzazione delle settecento villette a seguito della quale i privati dovrebbero realizzare le urbanizzazioni della città della pace (acqua, luce, fogna etc.), rinnoviamo i fortissimi dubbi già espressi in passato se non altro per l’antieconomicità dell’operazione. L’amministrazione comunale, con estrema superficialità, ha avviato la costruzione delle sole mura della città della pace, senza avere alcuna certezza in ordine alla effettiva realizzazione delle villette e, di guisa, delle opere di urbanizzazione da parte dei privati. Se l’azzardo dovesse rivelarsi tale e le nostre perplessità dovessero rivelarsi fondate, ci troveremmo di fronte all’ennesimo “ecomostro”, all’ennesima “cattedrale nel deserto”. Speriamo vivamente di sbagliare nell’attesa che il tempo dica la verità.

I consiglieri comunali pdl - Raffaello Ripoli e Massimo Lerose.

LEGGI ANCHE: http://www.ilmetapontino.it/cronaca/8648-scanzano-la-citta-della-pace-non-si-muove-nulla-il-sindaco-colpa-del-patto-di-stabilita-prossimo-settimana-ripartono-i-lavori.html

Read 717 times Last modified on Giovedì, 07 Luglio 2016 09:22
Rate this item
(0 votes)