Giovedì, 13 Dicembre 2018

Differenza tra conto corrente e conto deposito

Differenza tra conto corrente e conto deposito

La differenza tra le due tipologie di conto si può spiegare piuttosto facilmente. Il conto deposito è un conto di risparmio che consente a chi lo possiede di poter assegnare i propri fondi con l’obiettivo di ottenere un rendimento più o meno importante in base all’offerta presentata dalla banca. Il rendimento in questione è certamente più alto e conveniente rispetto a quello di un conto corrente ordinario. Non a caso ormai da diversi anni la tendenza vede nascere sempre più conti deposito a scapito dei conti corrente. Da oltre 10 anni il conto deposito attira grossi volumi di raccolta da parte delle banche, non a caso esse si sono molto concentrate lato marketing a strutturare offerte vantaggiose relative proprio ai conti deposito.

Quali i vantaggi di un conto deposito?

 

Il vantaggio principale, come risulta evidente dal materiale informativo diffuso da www.migliorecontodepositoconfronto.com , è quello relativo al guadagno extra dovuto al rendimento garantito dalla banca. Questo vantaggio diventa ancora più evidente facendo un raffronto con gli indici di rendimento medi offerti da banche e poste in merito al conto corrente tradizionale.

In realtà abbiamo anche altri punti a favore considerevoli. Il conto deposito può diventare a tutti gli effetti una sorta di salvadanaio virtuale. In che senso? Il depositante ha grande libertà di scelta perché può decidere di tenere una certa somma di denaro sempre disponibile per effettuare operazioni abitudinarie.

Il resto del denaro si può lasciare bloccato sul conto deposito allo scopo di ottenere maggiori interessi e quindi un rendimento più elevato.

Libero o Vincolato? I tipi di conto deposito

Il conto deposito può essere di due tipi: libero o vincolato. Il conto deposito libero offre più libertà di operazioni e permette un accesso diretto e incondizionato alle somme presenti sul conto stesso, le quali restano sempre disponibili.

Nei casi in cui un cliente preferisca aprire un conto deposito vincolato questo fattore cambia, tuttavia il cliente può mantenersi libero di scindere il vincolo in qualsiasi momento. Certo si deve procedere al pagamento di una penale che implica spesso la riduzione del 50% o 100% degli interessi maturati nel tempo.

Garanzie a copertura del conto deposito

Un piccolo grande vantaggio dei conti deposito è che in caso di default della banca, ovvero quando una banca si trova in grave crisi finanziaria e rischia la bancarotta, può intervenire il Fondo Interbancario di tutela dei depositi per garantire i fondi del cliente perché non vadano perduti.

Come fare una buona scelta di conto deposito

C’è un solo e unico parametro da tenere presente per aprire il proprio conto deposito, tutti gli altri sono secondari. Il parametro in questione è il tasso di interesse offerto dalla banca. Da questo tasso dipende il rendimento applicato alle somme depositate.

C’è però da porre sempre grande attenzione agli escamotage che si nascondono dietro le offerte temporanee delle banche. Il richiedente di un conto deposito, quindi, deve fare di tutto per essere bene informato per non ritrovarsi con brutte sorprese una volta che il conto deposito sarà stato ormai aperto.

 

Read 282 times Last modified on Mercoledì, 08 Agosto 2018 09:24
Rate this item
(0 votes)