Venerdì, 03 Febbraio 2023

Iacobellis: "Me lo aspettavo". Tanti gli attestati di stima e solidarietà per l'ex sindaco

Iacobellis: "Me lo aspettavo". Tanti gli attestati di stima e solidarietà per l'ex sindaco Featured

Ripoli annuncia "summit" con le forze dell'ordine. In una nota congiunta le minoranze di Scanzano chiedono consiglio comunale aperto e costituzione di parte civile del comune per episodi simili. Bellitti (PD): "Troppi i segnali di ripresa di attività criminali". Don Antonio:  "atti criminali che ledono la giustizia e la sicurezza della Città"

“Me lo aspettavo, sapevo che sarebbe successo. Mi hanno atteso al varco. Hanno agito con cattiveria e con l'intenzione di distruggere, a giudicare dall'intensità delle fiamme hanno usato molto liquido infiammabile”, così Salvatore Iacobellis, ex sindaco di Scanzano Jonico e a quanto pare destinatario del vile atto intimidatorio che si è concretizzato la notte fra domenica e lunedì quando è stata incendiata la sua auto parcheggiata vicino casa, da lì poi l'effetto a catena che ha coinvolto altri veicoli parcheggiati distruggendone altri tre e danneggiandone almeno altre due.
“Mi dispiace per quello che hanno vissuto mia moglie e mio figlio. Mi dispiace tantissimo anche per i vicini di casa”, ha detto Iacobellis sentito telefonicamente nel pomeriggio di lunedì dopo essere stato a lungo ascoltato dai Carabinieri di Policoro che indagano sull'accaduto.

Molto scossa la cittadina jonica, tantissimi i commenti sul social network dai quali traspare inquietudine e voglia di chiarezza sull'ennesimo episodio criminale in città. Non sono poi mancati gli attestati di solidarietà.
Il sindaco Raffaello Ripoli, dall'indirizzo email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. che dà come mittente “Amministrazione comunale Scanzano” in una nota ha scritto:

“L'amministrazione di Scanzano Jonico esprime profondo rammarico per l'ennesimo episodio increscioso della notte scorsa. E' inaccettabile la situazione di insicurezza e paura che tutti viviamo.

Per questo motivo ci sarà un summit urgente tra il sindaco Raffaello Ripoli, fuori per motivi personali, e le forze dell'ordine per fare il punto della situazione. Esprimendo solidarietà all'ex sindaco Iacobellis e a tutti gli altri cittadini coinvolti, ribadiamo la nostra ferma intenzione di accelerare l'istituzione sul territorio della Caserma dei Carabinieri e l'installazione di un efficace sistema di videosorveglianza”.

Nota congiunta invece da parte delle minoranze cittadine, Scanzano Conta, Scanzano Viva e Movimento Cinque Stelle. “E' deplorevole quanto accaduto la notte scorsa, l'ennesimo episodio che desta preoccupazione e che impone una seria analisi di quanto sta accadendo nella nostra città che ormai occupa il posto fisso nelle pagine di cronaca nera di giornali e telegiornali”, così in una nota congiunta i consiglieri comunali di minoranza Claudio Scarnato e Rossana De Pascalis (Scanzano Conta) e Pasquale Cariello (Scanzano Viva) e Antonello Musillo (Movimento 5 Stelle).
E, ancora: “È necessario adottare provvedimenti urgenti e non è pensabile sottovalutare nulla. Scanzano Jonico è una comunità laboriosa e che non merita di vedere scalfita la sua reputazione. Chi ha agito lo ha fatto senza curarsi del fatto che quella zona, come tante altre in città, è densamente popolata: poteva succedere una tragedia che avrebbe potuto coinvolgere l'incolumità delle persone e dei bambini che vivono lì".
" Esprimiamo piena solidarietà all'ex sindaco Salvatore Iacobellis e a tutte le persone per il terrore vissuto e i conseguenti momenti di panico”.

“Proporremo un consiglio comunale aperto alla cittadinanza affinché siano affrontati temi come la legalità e la sicurezza”, hanno scritto i consiglieri.
Infine: “Vogliamo inoltre che nei procedimenti giudiziari che, come ci auguriamo, scaturiranno da fatti come questi, l'intero consiglio comunale si costituisca parte civile.

Siamo fiduciosi nel lavoro che già stanno svolgendo le forze dell'ordine e gli organi giudiziari teso a ripristinare l'ordine e la serenità a cui tutti i cittadini hanno sacrosanto diritto”.

Il segretario provinciale del PD (Matera), Pasquale Bellitti ha scritto:
“Agli ultimi atti criminali che si sono verificati nel comune di Scanzano Jonico serve dare risposte nette e chiare rafforzando il livello di controllo dell'ordine pubblico in modo da ricostituire un clima di serenità nella comunità. Sono ormai troppi i segnali di una forte ripresa degli atti di criminalità che hanno interessato maggiormente il comune Scanzano Jonico ma che investono tutto il metapontino.
Lo afferma il segretario del PD della provincia di Matera, Pasquale Bellitti.
“La città di Scanzano è ancora scossa dai fatti criminosi che richiedono rapide indagini per risalire agli esecutori. Ci sono fatti ed episodi criminosi che hanno interessato la cittadina jonica che riguarda soprattutto la figura dell’ex Sincaco, Salvatore Iacobellis

che a viso aperto, con coraggio e perseveranza ha combattuto contro ogni prevaricazione criminale a cui insieme agli altri cittadini ed attività economiche che hanno subito altrettanti atti intimidatori va la nostra completa solidarietà. Alle forze dell'ordine va il nostro sostegno per il compito che gli attende che speriamo svolgeranno tempestivamente ed efficacemente. 


“L'immagine del Metapontino e di Scanzano Jonico, non può in alcun modo essere turbata da questi episodi che vanno estirpati. Scanzano Jonico ha dato prova di accoglienza ed ospitalità nel grande rispetto dei suoi ospiti. Purtroppo la lotta ad ogni forma di criminalità micro o più grande è una battaglia che non si finisce mai di combattere dunque compito di tutti, istituzioni in primis, di essere in campo contro queste manifestazioni di criminalità ed essere reali testimoni dei valori della sicurezza e della legalità”.

Solidarietà è giunta anche da Angelo Festa, presidente dell’associazione antiracket e antiusura "Famiglia e Sussidiarietà" “l’ennesimo tassello di violenza contro la legalità e a favore della violenza, che mina dalle fondamenta il progresso civile e la crescita sociale intrapresa dalla nostra collettività. Confidiamo nella magistratura e nelle forze dell'ordine - conclude Angelo Festa - affinché siano accertati i responsabili di questo nuovo grave episodio e rivolgiamo la nostra vicinanza a quanti sono vittime di estorsione e di usura dicendo loro: "Alza la testa! Non sarai mai solo". L'Associazione Antiracket e Antiusura "Famiglia e Sussidiarietà" presta un'assistenza gratuita a chi è vittima di estorsione e usura e per contatti telefonare al numero 3664487510 o inviare un e-mail all'indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

Il parroco di Scanzano Jonico, Don Antonio Polidoro in un posto su Facebook ha così commentato:
“Esprimo solidarietà e vicinanza al ex sindaco Salvatore Iacobellis, e agli altri cittadini coinvolti, manifesto anche la mia preoccupazione per un’escalation di atti criminali che ledono la giustizia e la sicurezza della Città. Confido nell’operato delle forze dell’ordine affinché individuino i responsabili di tali atti criminali.

Episodi come questi devono interrogare la nostra coscienza e non devono passare inosservati. Soprattutto noi cristiani abbiamo il dovere di reagire al male, al crimine che attanaglia la nostra comunità di Scanzano Jonio e le impedisce di vivere con normalità e di crescere anche dal punto di vista economico.


Deve essere chiaro che chi commette atti criminali, intimidatori e vessatori non si comporta da cristiano, non è un discepolo del Signore”

Read 4543 times Last modified on Martedì, 01 Novembre 2016 03:31
Rate this item
(0 votes)