Mercoledì, 17 Agosto 2022

Botta e risposta fra i componenti del Gruppo Trenta: "C'è chi si firma ancora 'assessore gruppo Trenta'

Botta e risposta fra i componenti del Gruppo Trenta: "C'è chi si firma ancora 'assessore gruppo Trenta' Featured

I due assessori a loro dire, sono legati ad una idea e non ad una poltrona, ma non hanno rimesso le deleghe al sindaco per seguire l’idea del gruppo

 

Nel 2012 la coalizione, guidata da Rocco Leone, vince le elezioni amministrative sulla base di un progetto politico, immaginato dal nostro gruppo e condiviso con le due altre forze politiche Impegno Comune e Forza Italia. Un progetto che racchiudeva i sogni, le speranze e la voglia di cambiare di una intera città ed in primis della nostra generazione, quella stessa generazione che sconta alcune scelte del passato e dalle quali siamo ripartiti rimboccandoci le maniche.
Decidemmo di metterci in gioco presentando un' idea di città diversa ed individuando sempre in Rocco Leone un volano, capace di cogliere il nostro entusiasmo e successivamente, quello di una intera comunità.
In questi quattro anni di amministrazione ci siamo impegnati affinchè potessimo dare atto al programma elettorale. Oggi alla luce degli ultimi accadimenti è doveroso fare chiarezza soprattutto nei confronti della città, quella stessa città con la quale facemmo un patto nel 2012 ed alla quale non abbiamo fatto mai mancare il nostro senso di responsabilità, di lealtà e forse anche con un pò di ingenuità.
Attraverso metodo, trasparenza e regole abbiamo affrontato e fortemente difeso alcune annose questioni, come per esempio la raccolta differenziata idea nata dal nostro gruppo e brillantemente interpretata dai cittadini di Policoro ai quali va fatto un elogio, la proposta di regolamento urbanistico e piano d’ambito, l’inizio dell’abbattimento delle barriere architettoniche, ed i diversi regolamenti di cui l’ente non era dotato.
Ma torniamo a noi.

Questo gruppo dimenticano i nostri assessori, è sempre stato presente nella vita amministrativa e nel contatto diretto con i cittadini, è sempre presentato ai consigli comunali nella sua interezza, ha sempre difeso con “coerenza e coraggio” le scelte di questa amministrazione, senza “sfruttare a proprio vantaggio” nessuna situazione, come apostrofato dai due assessori. Questo gruppo ha rinunciato per due anni e mezzo alla presidenza del consiglio comunale, a favore di chi fin dal 23/05/2012 ha contestato sindaco, vicesindaco, deleghe e soprattutto metodo.

Nei momenti difficili il gruppo è sempre stato vicino al Sindaco, vedi consiglio comunale aperto sulla differenziata, alluvione e vedi anche sciopero della fame contro le trivelle, ed ogni volta che ci è stato chiesto di fare un passo indietro, per sanare qualche mal di pancia, lo abbiamo fatto per amore e rispetto della nostra Città e del lavoro che stavamo facendo. E ancora vogliamo ricordare ai due assessori che quando il Sindaco ha dovuto rivedere la giunta, per scelte a noi non imputabili, vedi legge Del Rio e ricorso motu proprio, chiedendoci le deleghe dei nostri assessori, abbiamo difeso il loro ruolo ed il lavoro fatto insieme senza mai battere ciglio.
I due assessori a loro dire, sono legati ad una idea e non ad una poltrona, ma non hanno rimesso le deleghe al sindaco per seguire l’idea del gruppo, dichiaratamente condivisa nella sostanza. Hanno scelto di rimanere in giunta rispetto alla richiesta del gruppo consiliare, democraticamente eletto dal popolo, ma non si sono dichiarati autonomi, quindi non più assessori del Gruppo Trenta ma collaboratori del Sindaco.
La nostra decisione nasce dal fatto che le tante questioni politiche affrontate dal Sindaco in piena autonomia, hanno portato ad uno stravolgimento dell’assetto della compagine eletta, ed a cui la città aveva dato fiducia, portandosi dietro inevitabilmente, una visione diversa nell’affrontare la vita amministrativa. Non è necessario arrivare a fine mandato a tutti i costi. Il nostro obiettivo era ed è quello di amministrare onorando con coerenza e lealtà il patto fatto con la città. Il nostro linguaggio non è politichese. Noi ci sentiamo coerenti e coraggiosi nei confronti della nostra comunità e ci chiediamo quali sono state le situazioni da sfruttare a nostro vantaggio. Noi abbiamo fatto chiarezza definendo la nostra posizione fuori dalla maggioranza, appoggiandone solo questioni che ci hanno visto protagonisti insieme.


Qualcun altro, invece, dovrebbe spiegare come mai pur non avendo seguito le scelte del gruppo consiliare si firma ancora assessore Gruppo Trenta.


Oggi vogliamo aprirci alla città intera, al fine di tornare a costruire con i nostri cittadini, una Policoro migliore, partendo da quanto di buono è stato fatto dal nostro gruppo. Ci sentiamo oggi come nel 2012 liberali e moderati senza vincoli ne cappelli.
Gruppo Trenta

Read 2065 times
Rate this item
(0 votes)