Martedì, 17 Maggio 2022

Il rap al femminile: Nicki Minaj.

Il rap al femminile: Nicki Minaj. Featured

 

Siate sinceri: se vi dovessi chiedere come descrivereste il mondo del rap, moltissimi,

forse tutti rispondereste che il rap è la musica dei bassifondi delle città post-industriali americane, è la musica degli emarginati neri ed ispano-americani alla ricerca di una qualsiasi visibilità, è la musica delle gang (a volte anche pericolose) che si scontrano per il controllo dei quartieri sub-urbani ed è soprattutto una musica dura fatta per duri.

A questa risposta non potrei che assegnare il massimo della mia personale valutazione: eppure qualcosa sta cambiando.

E si: perché, a ben guardare, quel mondo duro, tutto maschile, competitivo fino alla violenza, del rap, da qualche tempo si sta aprendo, e con successo, ad un apporto nuovo e per molti vitale: quello delle donne.

A dimostrazione di questo c’è il successo internazionale di Nicki Minaj, una ex-ragazzina povera proveniente da Trinidad e Tobago, che, negli Stati Uniti, ha trovato davvero l’America, in tutti i sensi.

Scoperta dal rapper Lil Wayne nel 2007, ha collocato in testa alle classifiche statunitensi un successo dopo l’altro a partire dal 2011 collezionando premi e collaborazioni di altissimo livello.

Col primo singolo ‘Pink Friday’ ha venduto qualcosa come 5.000.000 di copie, superate dal suo secondo singolo che ne ha vendute oltre 7.500.000.

Non contenta del successo artistico musicale, ha voluto anche testarsi come attrice, con buoni risultati e, dal momento che c’era, ha anche creato una linea di profumi che richiamano le sue più note canzoni.

Candidata per sei volte al Grammy Award, ha vinto, in varie sezioni, dal 2011, numerosi premi messi in palio dalla MTV, che è il network musicale televisivo più importante al mondo.

Direi che, per lei, il sogno americano è diventato davvero realtà.

Raffaele Pinto

 

 

Read 1317 times Last modified on Venerdì, 12 Agosto 2016 22:06
Rate this item
(0 votes)