Venerdì, 19 Agosto 2022

Walk in progress, positivo il bilancio dell' iniziativa

Traguardo bagnato, traguardo fortunato… per la pioggia che ha accolto a Matera, nella giornata conclusiva, il gruppo di musicisti, ricercatori, designer e fotografi, che ha partecipato al progetto “Lucania Walk in progress.Miti in musica lungo i sentieri della Basilicata’’ un tour di 200 chilometri che in otto giorni li ha portati a scoprire  storie, personaggi, ambienti da raccontare e fotografare lungo un percorso legato alla ecosostenibilità. Stanchezza nelle gambe a parte il gruppo ha raccolto un patrimonio di scatti, suoni, disegni, esperienze, interviste che saranno utilizzati per far conoscere  con modalità da mettere a punto una parte “inedita’’ della Basilicata, da percorrere come “viandanti del 2000’’ anche con la  mappatura degli itinerari in open source disponibile sul sito “Ammappa l’Italia’’.

Ma è solo una parte delle cose da promuovere per Matera capitale europea della cultura per il 2019 e per gli altri centri visitati dal gruppo, percorrendo itinerari alternativi  da Montescaglioso, Bernalda, Metaponto Lido, Marconia e Pisticci, Craco e Peschiera, Ferrandina,Miglionico e Matera. La suggestività dei luoghi, gli incontri fatti durante il cammino, l’accoglienza spontanea ricevuta ovunque tanto da suonare e confrontarsi con  gruppi locali sono stati gli elementi che più hanno colpito Ivan Radicioni, musicista  e ricercatore di memorie storiche, Maurizio Piccioli, chitarrista , Gioia Di Biagio, musicista e appassionata di disegno, Ilaria Di Biagio fotografa,  Pietro Vertemy, fotografo, blogger e hykers. Impressioni che hanno trasmesso e fatto ammirare, anche con foto,video e disegni,  al presidente della Camera di commercio, Angelo Tortorelli, al segretario dell’ente Luigi Boldrin, al direttore dl Cesp Vito Signati, e ad appassionati e giornalisti incontrati presso la Libreria dell’Arco.

“ Con “Lucania Walk in progress’’ –ha detto il presidente della Camera di commercio, Angelo Tortorelli- si è contribuito a far conoscere il nostro territorio un modo nuovo e insolito e questo è di stimolo per l’imprenditoria locale a lavorare per un offerta turistica alternativa. Abbiamo creduto e sostenuto da subito l’iniziativa, della quale sentiremo ancora parlare e che contribuirà a promuovere Matera e gli altri centri visitati. E questo anche grazie al rapporto con un amico di lunga data come Umberto Montano, ricordiamo il suo apporto per il progetto sulla Dieta Mediterranea,che ha lasciato anni fa la nostra terra per fare fortuna a Firenze nel settore della ristorazione’’

Read 1009 times Last modified on Giovedì, 07 Luglio 2016 12:43
Rate this item
(0 votes)