Print this page

Cinemadare, tocca ai talenti lucani: Albano, Leone e Ragone

È dedicata ai talenti lucani la quarta serata di CinemadaMare che in piazza Massimo Troisi, a Nova Siri, martedì 18 agosto ospiterà tre lucani ormai noti a livello nazionale: Giuseppe Marco Albano, Nicola Ragone e Grazia Leone. I tre saranno intervistati in piazza dal direttore del festival Franco Rina e inevitabilmente si parlerà di cinema e Basilicata.

Per il regista di Bernalda, Vincitore del David di Donatello 2015 con "Thriller" come Miglior Cortometraggio, si tratta di un ritorno a CinemadaMare, mentre per Ragone, trionfatore ai Nastri d’argento 2015 nella categoria Miglior Cortometraggio con “Sonderkommando”, e Grazia Leone, attrice bernaldese di talento, si tratta della prima volta a Nova Siri. Una serata importante dunque per far conoscere ai tanti filmmakers provenienti da tutto il mondo, e presenti al festival il cinema di oggi, realizzato da alcuni giovani lucani che hanno trionfato a livello nazionale e amano la Settima Srte. Sia Albano che Ragone, infatti, si sono imposti grazie al successo dei loro cortometraggi, in grado di conquistare sia pubblico che critica. Si comincia come ogni sera alle ore 21, in piazza Massimo Troisi, con la proiezione dei film in concorso per la semifinale della Main Competition che si contenderanno un posto per la finalissima del 20 agosto: "Golden" di Kai Stanicke (Germania, 12'18'), "3-1=0" di Juan Galinanes (Spagna, 5'25"), "Silence of a gesture" di Pedro Sousa (Portogallo, 5') e "Porsiemprejamon" di Ruth Diaz (Spagna, 24'). A seguire saliranno sul palco Giuseppe Marco Albano, che presenterà il pluripremiato "Thriller" attualmente in proiezione nei festival di tutta Italia, Grazia Leone, il suo intervento precederà la visione del teaser del film di Alberto Sciamma "Bite", un thriller vampiresco che la vede protagonista, e Nicola Ragone, regista di Salandra che parlerà di questa "storia d'amore omosessuale in un lager nazista”.  Dopo il cinema dei lucani, spazio ad un documentario sul grande cinema di Sergio Leone. Vincitore della Main di domenica 16 agosto è il film Silent Love, di Giacomo Zanni (Italia). Intanto i filmmakers del festival sono impegnati nella realizzazione dei loro film in vista della tanto attesa Weekly Competiton del 20 agosto.

 

THRILLER di Giuseppe Maro Albano:

Sullo sfondo di una Taranto provata dall’inquinamento e dall’incertezza per il futuro, Michele, 14 anni, va in giro leggero a passo di musica, ballando come il suo idolo, Michael Jackson. Quando suo padre gli comunica che non potrà accompagnarlo al provino a causa di una mobilitazione di fabbrica, a Michele crolla il mondo addosso. Il sogno di un ragazzino, però, può essere più forte delle difficoltà degli adulti. E proprio grazie a Michele e al suo desiderio, la questione degli operai di Taranto risalterà agli occhi tutti, in un incredibile girotondo finale sulle note di Thriller.

SONDERKOMMANDO di Nicola Ragone:

Un treno, un viaggio, una meta che attende inesorabile. Due sconosciuti incrociano i loro sguardi: si cercano, si avvicinano fra la folla di un vagone che sembra un carro bestiame. Freddo, sofferenza, addii per sempre. Giunti alla meta la situazione separa i loro destini: il più robusto viene scelto, designato per diventare bracciante della morte in un lager nazista, un Sonderkommando.

 

Read 1167 times Last modified on Giovedì, 07 Luglio 2016 11:51
Rate this item
(0 votes)