Martedì, 17 Maggio 2022

'Basilicata terra di cinema e cineasti' primo ciak per trenta giovani filmmakers lucani. Featured

In giro per la Basilicata armati di videocamere, fotocamere, microfoni, led, tanta passione e una storia da raccontare. È l’identikit dei trenta giovani filmmaker lucani che si preparano a girare i loro 5 cortometraggi, da terminare entro il prossimo 2 settembre, giusto in tempo per sbarcare a Venezia per la 72 ͣMostra del Cinema. La troupe è quella del programma “Ciak Basilicata” formata dai trenta aspiranti cineasti lucani che arrivano alle riprese dopo un percorso formativo sostenuto da Regione Basilicata, Sensi Contemporanei, direzione generale cinema del MiBACT e con il coordinamento di CinemadaMare.

L’avvio della produzione è stato annunciato durante la conferenza stampa tenuta a Nova Siri da Franco Rina, direttore di CinemadaMare, alla presenza di Eugenio Stigliano, sindaco del comune, che ha sottolineato l’importanza di un evento che è motivo di vanto per la comunità e per l’intera area del metapontino. Dello stesso parere anche Franco Garofalo, presidente di Welcome Lucania, che ha messo in risalto il ruolo dei privati, la capacità di fare rete e le possibilità di crescita offerte dal cinema per il settore turistico di tutto l’arco ionico.

Dopo aver curato sceneggiatura e produzione tutto è pronto per battere il primo “ciak”. I set verranno allestiti sul territorio lucano e in particolare a Policoro, Matera, Ferrandina, Nova Siri, Potenza, Tito, Pignola, Maratea coinvolgendo numerosi attori e comparse. L’obiettivo del progetto è ancora più ampio “per il lavoro e per il dna da cui si sviluppa- spiega Franco Rina- è giusto che lo slogan sia Basilicata terra di cinema ma dobbiamo fare un passo in avanti affinché si arrivi a Basilicata terra di cineasti, passando dalle location al protagonismo delle persone e dei talenti”.

“Crederci fino in fondo, calarsi nell’attualità”. Non sono mancati i consigli per questi giovani filmmakers a partire da quelli di Gianni Saponara, regista e scrittore lucano che ha da poco presentato al MiBACT il suo ultimo lavoro incentrato sull’elaborazione del lutto in quel tragico 8 giugno del 1976 quando Genova venne scossa dall’omicidio del procuratore generale della repubblica, Francesco Coco, del brigadiere di pubblica sicurezza, Giovanni Saponara e dell'appuntato dei carabinieri, Antioco Deiana.

I cortometraggi annunciati sono cinque: “Tutti gli uomini hanno un prezzo” di Andrea Filardi (Lauria) con al centro un giovane e il suo vigneto espropriato per la costruzione di un oleodotto; “Different” di Rocco Tolve (Potenza) che parlerà di aspirazioni, rapporti familiari e contrasti sociali; “Il segreto di Kaspar Kohl” di Carmen Cirigliano (Ferrandina) con la diatriba artistica tra allievo e maestro; “Love tRIP” di Nicolò Montesano (Matera) storia di un settantenne che viaggia inseguendo l’amore e infine il corto in stop-motion “Vuoi giocare con me?” di Maurilio Muscillo (Potenza).

LUCIA VARASANO

Read 1792 times Last modified on Giovedì, 07 Luglio 2016 11:51
Rate this item
(0 votes)