Sabato, 10 Dicembre 2022

MUSICA. Sapore di sole: Emanuele Barbati, Taranto e tante note Featured

Sole, caldo e allergie: anche quest'anno è giunto il momento del cambio di stagione. Così, insieme a pullover e maglie della salute, stavolta negli scatolini mettete dentro anche Antonacci, Tiziano Ferro e tutto il nefasto della musica digitale che vi portate dentro e dietro. Poi, tra costume e infradito, lasciate che la musica estiva spalanchi i vostri pori (come solo il Vicks VapoRub) e spogliatevi, prima di tutto, delle note al gusto “zuppa del casale bollente”. Inspirate e mettete il bikini anche ai globuli bianchi, con Emanuele Barbati e la sua “Ecco arriva il sole” (VIDEO) ad invadervi la stanza di note. E sorridete: è arrivata, insieme alla bolletta dell'Enel, anche l'estate 2015. Un paio di motivi per ascoltare “Ecco arriva il sole”? Accende il buon umore e trasforma magicamente i lunedì in venerdì. Un paio di motivi per non farlo? Ne avete? Noi, intanto, avevamo giusto quelle due cose da chiedergli...

Emanuele Barbati: istruzioni per l'uso, ovvero cosa dobbiamo sapere di te, a parte che sei della provincia di Taranto?

Proverei col dire che sono un cantautore e spesso parlo di amore, mare e storie comuni a tutti i ragazzi di questi tempi.

Emanuele parte seconda. Distruzioni per l'uso. Come intendi rivoluzionare il panorama musicale attuale?

Scrivo canzoni sincere molto spesso autobiografiche, non invento storie esagerate o palesemente ruffiane, credo che la sincerità sia una straordinaria arma di rivoluzione. Ecco credo che sentendomi onesto con quello che canto riesco a rivoluzionare almeno il mio piccolo mondo musicale.

In un cinguettio di 140 caratteri (rispetta la traccia) spiegaci perché dobbiamo scaricare (legalmente) “Ecco arriva il sole”?

Scaricare la musica illegalmente è come entrare dal panettiere e rubargli il pane alzandogli in faccia il dito medio, nulla di meno! (132 caratteri, ndr)

Il tuo brano “minaccia” d'essere il nuovo tormentone estivo. Quante uova per creare una hit? Come si impasta un “tormentone”?

In realtà “Ecco arriva il sole” il brano di cui parlo non lo avevo neanche presentato al mio produttore quando abbiamo scelto la scaletta per il disco, avevo paura fosse intesa solo come una canzonetta estiva, io invece volevo fosse anche una metafora che dicesse “dopo ogni crisi c’è sempre un giorno migliore”. Poi nell’impasto c’abbiamo messo una chitarra surf, un ritornello accattivante ed eccola qua...sono pure parecchio soddisfatto!

Il video di “Ecco arriva il sole” è un vero e proprio Igp: c'è tanta Puglia, immancabili bellezze pugliesi (non solo paesaggistiche) e poi Taranto ed il litorale salentino. Confessa: lavori per l'Apt?

Sono della provincia di Taranto e ci vivo buona parte dell’anno quindi ho tutte le carte in regola per parlarne bene ma anche male. Volevo, con questo video, far vedere tutta la parte più esaltante della mia terra, mettere in risalto le bellezze paesaggistiche, ma anche la solidarietà di tutti quelli che mi hanno aiutato e che hanno partecipato al videoclip

Un'ultima domanda alla quale ci aspettiamo una risposta semiseria quanto onesta: quando ti dicono che il video di “Ecco arriva il sole” è diventato “virale”, come reagisci? a) Avverti spasmi e attacchi di panico; b) Ti rivolgi al tuo medico di fiducia; C) Contatti Microsoft e ti fai consigliare un buon antivirus.

Avverto spasmi e attacchi di panico, credo anche un certo prurito su tutto il corpo localizzato in maniera particolare sul cranio, dici che è grave?

Il brano “Ecco arriva il sole” è contenuto nell'EP “Sfumature Vol.1” (Scirocco Music/ Believe) ed è disponibile dall'8 maggio in digital download su tutte le piattaforme musicali della Terra e di Giove.

Per saperne di più: SITO

 

Alba Gallo

Read 1569 times Last modified on Giovedì, 07 Luglio 2016 11:51
Rate this item
(0 votes)