Venerdì, 19 Agosto 2022

Non di sola podolica vive il lucano Featured

Non di sola podolica vive il lucano. Non di sola carne di cavallo (nitrito incluso), consumata rigorosamente in macelleria in branchi di 10/15 consanguinei dell’Homo Erectus. Non di solo pollo, se non in brodo, in caso di malattia. Ad ogni modo, a Pasqua, ovvero in quella che è la versione rimasterizzata della strage degli innocenti, sono coinvolti tutti gli animali dell’Arca di Noè.

Tutti. Esenti solo i coleotteri e le formiche. Per il resto, si sbrana tutto l’edibile della stalla tutta: fegato, budella e anche organi di cui, fino a quel momento, anche i veterinari ignoravano l’esistenza. Roba da far sentire vegetariano Hannibal.

 

Anche gli animali sanno quando è Pasqua. Tremano le pecore tutte e, per solidarietà, anche le coperte di lana Merinos. Tremano, nel loro piccolo, anche gli agnelli. Ecco, prendete gli agnelli: avvertono che la loro fine è vicina da quando le galline iniziano a cioccolatificare le uova e a sfrattare i pulcini a favore dei peluche. Ma, si sa, i tempi cambiano, le mucche muggiscono e le barbe degli Hipster… crescono. E oggi fa figo essere vegetariani, anche se fino al giorno prima sbranavi pure le gengive dei vitelli lattanti.

Tuttavia, sebbene il mondo si divida in due categorie: quelli che mettono salsicce sullo spiedo e quelli che sugli spiedi mettono le mogli, in Lucania grigliare verdura è oggettivamente un problema. Perché le leggi della Fisica saranno pure sfidabili, la suocera lucana meno. Ditele che all’agnello sacrificato personalmente da vostro suocero preferite le zucchine grigliate. Sarà l’inizio della fine, la vostra e della vostra virilità. E, con essa, gli anni passati a millantarla.

Ribaltando i ruoli, una nuora vegetariana sarà, invece, una disgrazia da non augurare nemmeno alla peggior vicina (pettegola): si prospetterà una vita di stenti, carestia e pestilenza per il marito, nonché figlio maschio della suocera lucana media.

Tuttavia, essere vegani all’ombra dei Calanchi si può, senza necessariamente dover cambiare residenza o fidanzata/o. Al più sarà la Regione a piantar baracche e… Volturino e a trasferirsi in Calabria, con o senza il consenso di Maometto.

Alba Gallo

illustrazione dal sito caminvattin.it

Read 1596 times Last modified on Giovedì, 07 Luglio 2016 11:39
Rate this item
(0 votes)