Giovedì, 26 Maggio 2022

Memorie di una mantide religiosa

Magari le margherite non le piacevano, così gli strappa testa e genitali e lo fa fuori. Succede su qualche ramo sperduto di una foresta non meglio precisata in Indonesia. E la Lorena Bobbit in questione con gli umani c'entra esattamente quanto la Carfagna con Montecitorio. 

I fatti. Il fotografo Yudy Sauw immortala a Tangerang il maschio di mantide religiosa che porge una margherita alla sua lei. Roba da primi capitoli dei manuali di corteggiamento, da primo appuntamento e poi se ne parla alle nozze d'argento al massimo.

Roba che quando quello scatto si scoprirà esser frutto di lauto uso e abuso, tanto da diventar ciechi, di Photoshop, per le fan di Uomini e Donne, suonerà come la rivelazione dell'inesistenza di Babbo Natale per i bimbi.

Magari lui - la mantide coi pantaloni - pensava di farla felice, stanco com'era di sentirsi rinfacciare tutti i regali che le “di lei amiche” ricevevano dai rispettivi e le cene ed il trilogy e che un mazzo di margherite non sarà mai “per sempre” come un diamante.

O magari, lei, era semplicemente una mantide lesbica.

Così, senza concedergli nemmeno l'ebbrezza di un'esterna o il saluto al pubblico e a Maria, gli fa fuori prima la testa e poi i genitali. Il tutto nel corso di quella che doveva essere una banale sveltina,  senza coinvolgimenti sentimentali.

Si scoprirà che lui, a digiuno della psiche femminile, le aveva detto d'averla trovata leggermente ingrassata.

 

Alba Gallo

Read 1318 times Last modified on Giovedì, 07 Luglio 2016 11:35
Rate this item
(0 votes)