Giovedì, 26 Maggio 2022

Dello spirito del Natale o dell'alcol etilico di Babbo Natale

Difficile accorgersi, in questo periodo, che il Natale è alle porte. Quasi non lo avvertiresti se non fosse che già un secondo dopo aver archiviato la luttuosa pratica del 2 novembre, partono, in ordine cronologico, gli spot della Bonomelli e della Bauli, la stessa che, quasi sottovoce, si faceva già strada il mese prima con i croissant. E da lì al pandoro il passo, si sa,è breve. E se vi fossero ancora dei dubbi sull'imminente arrivo di Babbo Natale, te lo ricorderebbero i camion della Coca Cola, sempre più mastodontici e sempre più incredibilmente rosso varicella, a sorpassarti finanche sulle complanari. Quasi non lo avvertiresti se non fosse per nani con tute rosse che si avvinghiano sui balconi dalle luci talmente psichedeliche che, in confronto, quelle dei rave party, sembrano candeline.

Ed è questo il periodo in cui tacchini e agnelli imparano dalla gazzella di dover iniziare a correre. Le città iniziano la competizione a chi ce l'ha più alto (l'albero), a chi illumina di più finanche i tombini e i bambini apprendono, così, che è questo il momento giusto per iniziare a redigere quella lista che si spaccia per tranquilla e amichevole conversazione con Babbo Natale, salvo poi sfiorare

termini minatori nelle conclusioni tutt'altro che bonarie e concilianti. Conclusioni che incidentalmente includono anche le promesse: di essere più buoni, di non colorare la camicia della maestra con il pennarello, che la matita non deve diventare un'arma impropria con il compagno

limitrofo, e via dicendo; promesse transeunti quanto mendaci, che persino i programmi elettorali, a confronto, sembrano più onesti. E poi c'è lo spirito natalizio, quello che, se non ce l'hai, non lo trovi nel banco frigo, o comunque non tra gli scampi e gli astici; quello che ti riempie i supermercati dal 20 del mese e le palestre dal

20 di quello successivo; quello che si colora dell'oro dei tovaglioli e di verde e rosso, i colori del tuo conto corrente, esattamente prima e dopo l'illusione della tredicesima; lo spirito natalizio, quello che rende lecito il riempimento selvaggio del carrello e la sgomitata da immersione nel freezer per accaparrarsi derrate alimentari che nemmeno gli stessi supermercati pensavano di possedere.

Quello che ti fa ingerire in soli 15 giorni una spropositata quantità di cibo, che mediamente un essere umano ingurgita nell'arco della vita intera, quella stessa che, subdolamente, ti verrà rinfacciata da Luciano Onder il 7 di gennaio, quando le feste ormai saranno belle che andate e a

restare saranno solo le maniglie, con o senza l'amore.

 

illustrazione dal sito frankezze.it

Read 2040 times Last modified on Giovedì, 07 Luglio 2016 11:35
Rate this item
(0 votes)