Giovedì, 26 Maggio 2022

Cinema: Basilicata protagonista nel cuore di Roma

Sulle note del maestro Bacalov, giovedì sera sull'Isola Tiberina di Roma si è svolta la serata speciale di "Basilicata Terra di Cinema", con l'omaggio ai 50 anni del Vangelo Secondo Matteo di Pier Paolo Pasolini.


Tutto pieno per il concerto di Bacalov, che ha reinterpretato alcune delle sue straordinarie composizioni realizzate per l'opera pasoliniana. Presenti anche alcuni dei grandi nomi del mondo cinematografico, delle istituzioni e del mondo culturale romano.

La serata, presentata dalla giornalista Laura Delli Colli, si è arricchita delle significative parole da parte di attori del calibro di Ninetto Davoli sulla Basilicata e su Matera, che tra le tante location scelte da Pasolini per girare il Vangelo resta ancora quella più suggestiva ed alla quale il film ha legato il suo successo negli anni.

Molto intensi i ricordi di Ciccutto, direttore dell'Istituto Luce, che ha raccontato il suo rapporto con il film, visto all'età di 16 anni al Festival di Venezia nella sua prima proiezione ufficiale. Anche Manolo Bolognini, produttore esecutivo del Vangelo, ha riportato al pubblico dell'Isola il suo ricordo e le sue emozioni legate proprio al rapporto con Pasolini. Franco Mariotti, uomo simbolo della cinematografia italiana, ha svelato un simpatico aneddoto legato proprio al film: la sua breve apparizione come "indemoniato", presente nel primo montaggio del film ma poi successivamente tagliato.

Spazio anche alle istituzioni della Basilicata, rappresentate da Paride Leporace, direttore Lucana Film Commission, Gianpiero Perri, direttore APT Basilicata e Patrizia Minardi nel suo nuovo ruolo di dirigente del settore culturale e turistico della Regione Basilicata. "Soddisfatti per continuare a promuovere la Basilicata come terra di Cinema nella sua capitale. Queste iniziative, insieme al "Bando alla Crisi" , costituiscono un aspetto fondamentale delle attività di promozione della Basilicata come un luogo di produzione cinematografica unico in Italia, per i suoi paesaggi e le sue straordinarie peculiarità.

Proprio su questo ha posto l'accento Alberto Versace, Sensi Contemporanei il programma speciale della Presidenza del Consiglio dei ministri, il quale ha sottolineato l'importanza storica degli investimenti in Basilicata nel settore audiovisivo, sui quali si può costruire un pezzo significativo del futuro prossimo e venturo dell'economia lucana.

La linea di collegamento tra Roma e Basilicata si rafforza ulteriormente con l'apertura, il prossimo 20 luglio alle 19 negli spazi di Palazzo Lanfranchi, della mostra "Il vangelo secondo Matteo cinquant’anni dopo". La mostra, presentata a Roma martedì scorso nel Palazzo delle Esposizioni, è a cura di Marta Ragozzino, soprintendente Bsae per la Basilicata, e Giuseppe Appella, direttore del Musma, con lo storico Ermanno Taviani e la collaborazione di Paride Leporace, direttore della Lucana Film Commission.

Read 1143 times Last modified on Giovedì, 07 Luglio 2016 10:52
Rate this item
(0 votes)