Print this page

All'Itcg ''Manlio Capitolo di Tursi ''La terza età ha fatto rete''

L’utilizzo delle moderne tecnologie ha costituito una vera e propria rivoluzione che ha pervaso ed influenzato grandemente ogni ambito della nostra società a partire dalla seconda metà del XX secolo. Erroneamente, data la loro recente apparizione, esse si associano con quella fascia di età che esclude gli “anta” vale a dire le persone di età matura. Ma non sempre è così e a sfatare questo luogo comune ci ha pensato il progetto “Una m@no ai nonni”.

Infatti è proprio sulla alfabetizzazione informatica per le persone di età avanzata che si sta svolgendo con successo un'iniziativa dell’ITCG di Tursi nell’ambito delle attività di alternanza scuola-lavoro.

Dopo le lezioni teoriche tenute dalle insegnanti Ida Capobianco e Filomena Vinciguerra c'è stato lo stage dei partecipanti all’assocazione ‘Euterpe’ di Montalbano Jonico che ha messo a disposizione i tutor aziendali Carlo Petruzzi e Anna Mandolfo. L’obiettivo è quello di colmare il gap generazionale tra adolescenti e persone della terza età. Nel ruolo di tutor anche alcuni studenti delle classi terze degli indirizzi Informatico e Turistico, che frequentano l’Istituto di Tursi, che assistono gli over sessanta nel loro approccio al computer.

"Non avrei mai pensato di trovare  tanto interesse e curiosità per un mondo che ritenevo fosse unico appannaggio di noi giovani. Sono stato sommerso di domande, i loro dubbi non sono stati mai scontati e a volte ho fatto fatica a dare una risposta" afferma Federico Spadafora, studente del corso di informatica. Certamente oltre a fare pratica nell’uso del computer l’obiettivo del corso è stato anche quello di avvicinare due mondi, adolescenza e terza età, apparentemente lontanissimi ma che in effetti si capiscono molto bene e vanno perfettamente d’accordo. Per una volta la tecnologia informatica non ha isolato l’individuo ma è stato motivo di socializzazione e di confronto umano.

"Da subito si è creato un clima di profonda intesa, abbiamo percepito un’aria di mutua collaborazione tra ragazzi ed adulti" spiegano le insegnanti-tutor Anna Costanza e Carmela Mazzitelli. Anche da parte dei frequentanti giungono pareri favorevoli: "Il bilancio di questa mia esperienza - conclude la signora Egle Autera Federici, una delle più assidue e motivate corsiste - è senza dubbio positivo dal punto di vista tecnico perché gli studenti hanno esposto egregiamente i rudimenti  del PC; ma anche dal punto di vista umano è stata un'esperienza piacevolissima: ci è sembrato di avere a che fare con i nostri nipoti, tanto il garbo e l’affetto che ci hanno riservato e che noi abbiamo sinceramente ricambiato".

"Non è stato un semplice stage scolastico ma un’ esperienza di vita emotivamente coinvolgente che non dimenticheremo!" è stato il commento finale degli studenti dell'istituto tursitano Alessandro Peluso, Milena Gulfo, Natale Putignano, Antonio Tricarico, Salvatore Uggini, Alban Budlla, Federico Spadafora, Simona Fiorenza, Marina Silecchia, Michela Veneziano Lucrezia Ricciardi, Mariagiusi D’Errico.

Read 3090 times Last modified on Giovedì, 07 Luglio 2016 10:42
Rate this item
(0 votes)

Related items