Sabato, 10 Dicembre 2022

Da Zelig al Palaercole, il cabaret di Rocco Barbaro

Policoro - Erano oltre 600, ieri sera, al Palaercole, palazzetto sportivo di Policoro, ad assistere allo spettacolo del comico e cabarettista Rocco Barbaro.

Calabrese, nato a Torino, ragazzino frequenta la scuola di recitazione “Teatro Calabria”, ma è a Milano che comincia la sua carriera. Protagonista per anni delle fortunate edizioni del programma televisivo “Zelig”,  prima ancora del “Pippo Kennedy Show”, trasmissione condotta da Serena Dandini che lo rivela al grande pubblico, e poi ancora “Colorado cafè” e “Buldozzer”.

Lo spettacolo, “Diciamo di sì”,  - organizzato dal neonato consorzio di 28 associazioni culturali della costa jonica, Cassiopea,  - è stato in gran parte incentrato sul racconto della sua vita da emigrante in cerca di successo e alle prese con la routine di una città come Milano. Per circa due ore di cabaret, tra battute alcune già note ai numerosi estimatori presenti, l’attore ha dato vita a surreali gag con una comicità, va detto, a tratti consumata e lenta. Più esilaranti resteranno, a memoria, le apparizioni sul palco dello Zelig - fucina di giovani ed emergenti comici italiani e trampolino di lancio per molti caratteristi – costruite con tempi più serrati e per questo più incisive.

Ma ciò che ha realmente stupito il pubblico del Palaercole è stato il post-esibizione, ovvero l’aver assistito, cosa rara, ad una scena in cui l’attore, finito lo spettacolo, resta comodamente seduto in mezzo al palco, continua a narrare aneddoti strampalati e assiste divertito allo svuotarsi della sala, mentre gli spettatori un po’ alla volta lasciano il palazzetto. Una scena a dir poco surreale e che ha segnato probabilmente il punto umoristico più alto della serata. Chi è rimasto, pochi per la verità, ha potuto chiacchierare faccia a faccia con il comico calabrese, visibilmente a proprio agio su una seggiola al centro della scena, e farsi fotografare al suo fianco. Quasi che quei 100 minuti di precedente cabaret fossero stati davvero solo l’antipasto e che lo spettacolo, quello vero, dovesse ancora cominciare.

Gli organizzatori si sono detti soddisfatti dall’esito della serata e grati a Barbaro per aver condiviso la mission dell’associazione Cassiopea ed per essersi detto disponibile ad ulteriori collaborazioni con il consorzio lucano. C’è ottimismo, dunque, sulla riuscita dei due prossimi appuntamenti in cartellone per il 5 e 6 gennaio del nuovo anno, “Aspettando la Befana danzando” e “Il Befanone”.

 

 

Read 2642 times Last modified on Mercoledì, 06 Luglio 2016 12:56
Rate this item
(0 votes)

About Author