Risultati della ricerca

imma tataranni

4 risultati trovati

Polemiche su “eolico”. Rai Fiction: Imma Tataranni è pura fantasia

in Cronaca

Polemiche su “eolico”. Rai Fiction: Imma Tataranni è pura fantasia. Sull’ultima puntata di questa stagione della serie molto amata, Anev ha protestato. Nei giorni scorsi anche la LIPU è intervenuta sulla questione sollevata dall’Anev  (Associazione Nazionale Energia del Vento)

La fiction “Imma Tataranni – Sostituto procuratore” “appartiene al genere delle opere di pura fantasia” e “prescinde dal requisito della verità”. Lo ha scritto la direttrice di Rai Fiction, Maria Pia Ammirati, in risposta a una lettera aperta di protesta da parte dell’associazione delle imprese italiane dell’eolico, l’Anev. Lo rende noto la stessa Anev in un comunicato. L’associazione aveva contestato la puntata del 13 ottobre, in cui il personaggio indagava sull’installazione di pale eoliche vicino all’abitato in Basilicata. Le pale venivano presentate come molto rumorose e pericolose per l’avifauna. Anev – come riportato dall’Ansa –  nella lettera aperta aveva spiegato che per legge non si possono installare turbine vicino alle abitazioni, che le pale grazie alle tecnologie moderne sono molto silenziose, che per legge vanno installate dopo uno studio sull’avifauna in loco, e che comunque lspra e Wwf ritengono trascurabili i pericoli per gli uccelli. Nella risposta la direttrice di Rai Fiction dichiara che “il prodotto in questione appartiene al genere delle opere di pura fantasia, caratterizzate da esigenze puramente artistiche; la narrazione degli eventi pertanto prescinde dal requisito della verità” e “dialoghi e contesti sono, infatti, frutto della libertà artistica degli autori”. “In un siffatto contesto, per lo più immaginario – prosegue Ammirati -, lo spettatore è consapevole di assistere ad una artificiosa ricostruzione” e “non sarà certamente portato a ritenere che sia stato scrupolosamente rispettato un criterio di verità”.
“Ringraziamo il Direttore di Rai Fiction e la RAI tutta che ci risponde alla lettera di richiesta di chiarimenti in modo esauriente – scrive l’Anev nel suo comunicato -. Continuiamo però a non comprendere la ragione di una scelta così anacronistica di aver voluto mistificare la realtà per ottenere un effetto di discreditamento di una fonte pulita come quella derivante dall’eolico”, è riportato dall’Ansa.

Nei giorni scorsi sulla vicenda è intervenuta anche la LIPU, in un passaggio del comunicato stampa l’associazione, in merito all’inchiesta televisiva (“pura fantasia”) sull’eolico raccontata nell’ultima puntata della terza serie di Imma Tataranni, ha scritto: Un passaggio di verità più unico che raro sullo schermo TV, considerando 20 anni di omertà dei grandi media e del servizio pubblico RAI sullo scempio del Sud, con un qualunquismo imperante nei talk nazionali, estromettendo dalla parola chi è costretto ad ospitare questi impianti. Un contesto falsificato in nome della “energia pulita” usata (a torto) come ricatto per imporre centinaia e centinaia di questi impianti industriali, con annessi sbancamenti, elettrodotti, stazioni elettriche.

 

Imma Tataranni record di ascolti: verso la terza stagione

in Cultura

Imma Tataranni record di ascolti: verso la terza stagione. Piace a tutti, ma l’ultimo episodio non è andato giù all’Anev. “viene descritto un parco eolico molto vicino alle abitazioni  e questo non è consentito dalla normativa”

Il sostituto procuratore più amato d’Italia è senza dubbio Imma Tataranni, il magistrato interpretato dall’attrice Vanessa Scalera ha fatto il pieno di telespettatori, quasi in 4,5 milioni ieri, 13 Ottobre, hanno seguito il finale di stagione. La domanda è se ci sarà anche la terza stagione e la risposta potrebbe essere sì. In un’intervista rilasciata proprio da Vanessa Scalera a “Elle“, l’attrice si è detta fiduciosa:

“lo spero, mi piacerebbe, potrebbe essere quella conclusiva. Mi sono divertita moltissimo con i miei compagni di lavoro, ci siamo fatti grosse risate”.

Chi invece, almeno in quella che è stata la puntata conclusiva della seconda stagione, non ha sorriso è l’Associazione delle imprese italiane dell’eolico (Anev). In un comunicato, l’associazione fa presente che nella puntata del 13 ottobre 2022 “viene descritto un parco eolico molto vicino alle abitazioni – dichiara l’associazione -, e questo non è consentito dalla normativa. È menzognero parlare di rumore molesto della turbina, che corrisponde solo all’attrito dell’aria con le pale e con la torre di sostegno, e che le moderne tecnologie hanno ridotto al massimo”. Altro argomento sollevato è quello legato all’avifauna. “Viene descritto l’impianto eolico come impattate sull’ecosistema e pericoloso per l’avifauna. Anche questa è una notizia falsa. Vige l’obbligo per chi costruisce gli impianti eolici di effettuare degli studi sul territorio e di escludere le zone che interessano le rotte migratorie dei volatili”.

Tornando alla TV, sembra certo che Imma Tataranni 3 si farà. La serie con Vanessa Scalera, Massimiliano Gallo e Alessio Lapice potrebbe vedere il primo ciack in primavera 2023. Il personaggio “Imma Tataranni” è nato dai romanzi di Mariolina Venezia.

A Montalbano Jonico gli studenti incontrano Mariolina Venezia

in Cultura

A Montalbano Jonico gli studenti incontrano Mariolina Venezia, iniziativa in programma nell’ambito del cartellone “Percorsi culturali italiani”

A Montalbano Jonico gli studenti incontrano la scrittrice Mariolina Venezia. L’appuntamento è per domani, martedì 19 ottobre, alle 11.30, ed è l’ultimo degli eventi del cartellone “Percorsi culturali italiani”, la manifestazione promossa dalla Provincia di Matera. Per l’occasione le classi dell’istituto di istruzione superiore “Pitagora” dialogheranno con la scrittrice del libro “Via del riscatto”, avendo così la possibilità di approfondire alcuni aspetti del romanzo e di soddisfare le curiosità e gli interrogativi che ha suscitato in loro la lettura del testo. “L’obiettivo del progetto – spiega Piero Marrese, presidente della Provincia di Matera – è quello di promuovere interesse per la lettura, con la partecipazione dell’autore, contribuendo così a creare interessanti spazi di aggregazione culturale”. Altra iniziativa collaterale degna di nota è la distribuzione gratuita di copie del romanzo agli studenti. Il romanzo è il quarto della serie con Imma Tataranni protagonista, ma si può leggere anche senza conoscere i precedenti. È un giallo che talvolta tende al rosa, pervaso di ironia. La trama gialla inizia lentamente, poi quasi si disperde tra tanti temi collaterali e nel finale accelera il ritmo e l’inatteso colpevole viene svelato. Dopo aver visto su Raiuno la fiction tratta dai tre romanzi precedenti, magistralmente interpretata dall’attrice Vanessa Scalera, si apprezza ancora di più la vivace personalità della protagonista e la magnifica ambientazione a Matera. L’autrice Mariolina Venezia è nata a Matera. Attualmente vive a Roma, dove lavora per teatro, cinema e televisione. Ha pubblicato alcuni libri di poesie in Francia e, per Einaudi, i romanzi Mille anni che sto qui, vincitore del Premio Campiello 2007, Come piante tra i sassi (2009 e 2018), la raccolta di racconti Altri miracoli (Theoria 1998, Einaudi 2009), Da dove viene il vento (2011), Maltempo (2013 e 2018), Rione Serra Venerdì (2018) e Via del Riscatto (2019). Dai gialli di Imma Tataranni è stata prodotta la serie televisiva di successo per Raiuno.

DA RAIPLAY

Imma Tataranni è un sostituto procuratore dalla memoria prodigiosa abituata a risolvere i casi che le vengono affidati con metodi poco ortodossi. Ad accompagnarla nelle sue indagini attraverso la Basilicata è l’appuntato Ippazio Calogiuri, ragazzo timido e insicuro con cui si instaura un rapporto di grossa complicità. Ma Imma è anche moglie e mamma e a casa la aspettano suo marito Pietro, che è il suo esatto opposto, e sua figlia Valentina, alle prese con un’adolescenza ribelle.

Il Lucania Film Festival in edizione smart in streaming

in Cultura

Un vero e proprio festival con un palinsesto di incontri e contenuti pluritematici, da vivere in diretta streaming interagendo da casa.

Appuntamento domenica 22 marzo dalle 16 alle 23 sulla pagina Facebook del Lucania Film Festival. Tra gli ospiti John Turturro, Vanessa Scalera, Claudio Santamaria, Francesca Barra, Alessandro Haber.

 

Il Lucania Film Festival, aspettando la ventunesima edizione in calendario dal 7 all’11 agosto 2020, lancia un messaggio positivo per rispondere all’emergenza sanitaria che sta vivendo l’Italia e tutto il mondo: Insieme in streaming, #iorestoacasa!

Dopo l’esperimento di domenica 15 marzo che ha visto protagonisti Carlo Verdone, Rocco Papaleo, Brunori Sas, Franco Arminio, Mohsen Mackmalbaf, la kermesse cinematografica lucana, replica con una nuova puntata dell’edizione straordinaria da condividere in live streaming sulla pagina Facebook (https://www.facebook.com/LucaniaFF/)

Uno spazio virtuale per continuare a fare cinema e a condividere cultura. Perchè #laculturanonsiferma neanche a casa!

Un progetto che prevede una serie di incontri, declinati in diversi format, (cinetalk e lectio magistralis tenute da docenti, critici e autori del cinema italiano e internazionale, proiezioni film in concorso delle passate edizioni, performance musicali e teatrali) che vedranno protagonisti assoluti personalità di spicco nell’ambito del cinema, del teatro e della musica. Con questa iniziativa il Festival aderisce alla campagna virale #iorestoacasa per contrastare la diffusione del Covid-19. “In queste settimane, durante le quali sentiamo frenata la nostra spontaneità, piegate le nostre abitudini autentiche a modi asettici, si apre un entusiasmante paradosso: la creatività può prendere direzioni inaspettate, coinvolgere un pubblico più ampio e assumere un significato simbolico senza precedenti. Siamo chiamati a rispettare delle regole inusuali che trascendono età, condizioni di vita e consuetudini personali, perché si afferma su di noi un appello più alto, che sovrasta la nostra dimensione individuale; non per soffocarla, ma per farcene trovare una più grande. Ora pratichiamo questa Bellezza a distanza, ma continuando ad essere solidali e responsabili, presto torneremo a raccontarvi le storie sotto quel cielo stellato: ne siamo certi, racconteremo anche questa “Storia”, ha commentato Rocco Calandriello, direttore del Lucania Film Festival. Tra i protagonisti della seconda puntata che andrà in onda domani 22 marzo dalle 16:00 alle 23:00 sulla pagina Facebook del Lucania Film Festival l’attrice Vanessa Scalera reduce dal successo della serie televisiva, girata in Basilicata, “Imma Tataranni – Sostituto procuratore” e il regista Francesco Amato; il pluripremiato attore e regista italo-americano John Turturro, l’attore Claudio Santamaria e sua moglie, la giornalista e scrittrice Francesca Barra, protagonisti della serie di Amazon Prime Video “Celebrity Hunted – Caccia all’uomo”, l’attore e regista Alessandro Haber e tante altre personalità di spicco.

 

 

Torna su